Benevento-Virtus Entella 1-1. A Kragl risponde in mischia Sernicola

Si era detto occhio alle palle inattive, dopo la non proprio fortunata trasferta della Dacia Arena contro il Pordenone quando i giallorossi si sono fatti rimontare proprio su un’azione da calcio da fermo, ancora una volta è un calcio punizione a strozzare in gola la gioia per l’ottenimento del bottino pieno. E dire che tutto era iniziato tutto nel migliore dei modi, con il Vigorito a fare da cornice al match contro i neo-promossi della Virtus Entella. Sugli spalti i colori giallorossi la fanno da padrone, in un afoso pomeriggio di fine settembre. Come sarebbe stato importante lasciarsi il passato alle spalle e puntare al bottino pieno, per tornare ad ottenere i tre punti. Per un’ora buona il Benevento ci era anche riuscito, giocando bene il suo calcio, ma risultando essere troppo sprecone nel momento di maggior difficoltà della squadra ligure. Ma veniamo al racconto della partita: Inzaghi schiera i suoi ragazzi col 4-4-2 con Montipò tra i pali, Maggio e Letizia sugli esterni, con Caldirola ed Antei a formare la coppia centrale. A centrocampo Improta e Viola sugli esterni con Kragl ed Hetemaj al centro, tandem d’attacco formato dalla coppia Roberto Insigne-Coda. Risponde mister Boscaglia con un 4-3-1-2 con Contini tra i pali, linea arretrata composta da Coppolaro, Pellizzer, Chiosa e Sala, centrocampo a tre con Paolucci centrale, Nizzetto centro sinistra ed eramo centro destra, sulla tre quarti Schenetti alle spalle di Mancosu e De Luca.

Primo tempo: a tutta Strega. Tutta di marca Benevento la prima frazione di gioco, con gli stregoni che si rendono più volte pericolosi colpendo anche una traversa al 10′ minuto con Kragl che solo dieci minuti dopo sigla la rete del vantaggio, sua seconda personale in altrettante partite di campionato: cross a palombella dalla sinistra di Letizia, Nizzetto perde di vista Kragl che si inserisce sul secondo palo e di piatto destro batte un’incolpevole Contini. Dopo aver trovato il vantaggio la compagine di casa continua a macinare gioco, rendendosi pericolosa in almeno altre 4 occasioni. Le prime tracce dell’Entella si intravedono nell’ultimo scorcio della prima frazione, in cui il Benevento arretra un po’ il proprio raggio d’azione. Il primo tempo si chiude con i padroni di casa che sfiorano il raddoppio con un calcio di punizione dal limite di Viola, ma il tiro del numero 10 sorvola di poco la traversa.

Secondo tempo: Guai a distrarsi. Le squadre danno vita ad un secondo tempo molto vivace. Inizia subito bene il Benevento, che sfiora più volte la rete del raddoppio. A differenza della prima frazione, la formazione ospite inizia ad uscire alla distanza, portandosi con sempre maggiore frequenza dalle parti di Montipò, riuscendo ad impegnare l’estremo difensore campano solo in un paio do occasioni. Al 51′ è giallo quando la formazione ospite chiede un calcio di rigore per un sospetto fallo di mano di Maggio su tiro da fuori area di Schenetti. Per il signor Soregno è tutto regolare. Passata la metà della seconda frazione è di nuovo la formazione di casa che torna a prendere il comando delle operazioni rischiando di raddoppiare con Caldirola (sugli sviluppi di un calcio d’angolo) prima e con Maggio poi (tiro dal limite dell’area piccola deviato in calcio d’angolo). Inzaghi non è tranquillo e richiama i suoi a rimanere concentrati, è un presentimento su quello che sta per succedere: minuto 82′ calcio di punizione dalla destra mischia in area ne esce vincente proprio il nuovo entrato Sernicola, che in mischia batte Montipò, riequilibrando le sorti dell’incontro. Dopo la rete subita inizia a serpeggiare un po’ di nervosismo tra le fila sannite, che rischiano anche di subire il colpo del ko. Finale di partita è tutto a favore del Benevento, che si riversa in avanti chiudendo gli avversari nella loro area di rigore. Restano la buona prestazione del primo tempo, ed il rammarico per le tante occasioni sprecate.

BENEVENTO-VIRTUS ENTELLA 1-1

BENEVENTO (4-4-2): Montipò; Maggio, Antei, Caldirola, Letizia; Kragl (dal 73′ Tello), Viola, Hetemaj, Improta (dal’83’ Armenteros); Coda, Insigne. A disp.: Manfredini, Gori, Rillo, Del Pinto, Sanogo, Tuia, Basit, Gyamfi, Di Serio, Vokic. All.: Inzaghi

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Contini; Coppolaro (dal 63′ Sernicola), Pellizzer, Chiosa, Sala; Eramo (dal 71′ Coulibaly), Nizzetto, Paolucci, Schenetti, Mancosu (dal ‚Äò73 Morra), De Luca. A Disp.: Paroni, Borra, Crialese, Bonini, Poli, Adorjan, Currarino, . All.: Boscaglia

Ammoniti: Eramo (V), Hetemaj (B), Kragl (B), De Luca (V), Antei (B), Pellizzer (V), Letizia (B)
Reti: Kragl 20′ (B), 82′ Sernicola (V)
Arbitro: Sozza di Soregno
Assistenti: Macaddino di Pesaro e Scatragli di Arezzo

Recupero: 2′ (pt), 5′ (st).

Giovanni Tafuto

Condividi