Battipagliese 1929. Vicina la nuova alba per la gloriosa zebra

A volte la forza e l’amore per il calcio rendono possibile anche l’impossibile. Sembrava ormai vicina la data di morte, una nuova morte, per la Battipagliese, invece sembrerebbe che sia vicina una nuova alba. Secondo quanto raccolto dai colleghi di Calciogol.it ci sarebbe una cordata vicina all’acquisizione del titolo sportivo della Battipagliese. Una cordata di Torre del Greco, la cordata con a capo Antonio Colantonio, già presidente e patron della Turris promossa in Serie C.

Mentre i corallini viaggiano sui binari del calcio professionistico, la dirigenza con Piedepalumbo rappresentante ed ambasciatore per la campagna nella Piana del Sele, si è mossa per proporre a Mario Pumpo e al Sindaco di Battipaglia Cecilia Francese un progetto per mantenere in vita la gloriosa zebra. Un incontro che potrebbe portare ben presto alla fumata bianca, anche perchè l’alternativa sarebbe l’addio al calcio della squadra rappresentante la capitale della Piana del Sele.

Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione ci sarebbe già un progetto ben delineato dalla cordata di Antonio Colantonio, che almeno per il momento farebbe della Battipagliese una sorta di Bari, cioè una seconda squadra con ambizioni pari alla sua Turris. Alla guida ci dovrebbe essere Rosario Chianese e la rosa da costruire avrebbe già alcuni calciatori pronti a vestire la maglia bianconera. Lì, infatti, Colantonio potrebbe tenere alcuni degli esuberi della Turris, provando a valorizzarli e a valorizzare anche il calcio battipagliese.

Se possa essere una via temporanea o definitiva sarà solo il tempo a dirlo. Intanto, ben consapevoli che Battipaglia brama il calcio come la stessa Torre del Greco, Colantonio prova a mantenere in vita una squadra dalla tradizione sportiva importante. Per il futuro, ci sarà tempo e modo di capire cosa accadrà. Intanto la Battipagliese c’è e ci sarà nel prossimo campionato.

Condividi