Basket. Da Childress e Newton a Lawrence e Sherrod, Scafati distrugge Napoli e conquista il derby

Bella, cinica, spietata, stupenda: la Givova Scafati distrugge Napoli nel derby del PalaMangano e torna finalmente a muovere la sua classifica dopo lo stop casalingo di due settimane fa con Biella e la pausa di domenica scorsa. Per gli uomini di coach Perdichizzi importantissime le prove del nuovo arrivato Andrew Lawrence e dell’altro americano Brandon Sharrod.

CLASSICA DEL BASKET – Un vero e proprio classico del Basket quello andato in scena nell’impianto scafatese: le due compagini si sono affrontate numerose volte a partire dalla stagione 2000/01, quando Scafati vinse il primo derby giocato nella propria città (gli altri tre furono disputati, infatti, al Palavesuvio di Ponticelli), per toccare il massimo nel biennio 2006-2008, quando il derby campano fu disputato nella massima serie. Un dominio simile dei gialloblu, tuttavia, non si vedeva dalla stagione 2001/02 quando, trascinata dall’ex Randolph Childress (autore di ben 31 punti) e dal pivot canadese Greg Newton, gli uomini di coach Vitucci imposero una lezione di basket alla Di Nola Napoli che, a fine anno, sarebbe riuscita a battere Reggio Emilia nelle finali play off, conquistando la Serie A.

STRAPPO ‚Äì Primo quarto sul filo dell’equilibrio, con le due squadre che spinte dal pubblico (numerosissimi anche i supporters provenienti dal capoluogo campano), danno vita a una partita dal ritmo alto, in piena simbiosi con la bolgia del PalaMangano. Con gli strappi di Lawrence Scafati riesce ad avere la meglio nella seconda metà del quarto, mettendo a segno un parziale di 12-0 concluso con la tripla di Spizzichini. Mascolo prova a dare una sveglia agli azzurri, ma i padroni di casa rispondono a tono e chiudono il primo quarto sul 31-19.

RITMI ALTI – Seconda frazione che si apre sulla stessa falsa riga della prima, ancora con Mascolo, aiutato da Nikolic, a portare avanti la carica napoletana, mentre Scafati tiene di squadra, con la tripla di Romeo, con gli appoggi al vetro di Ranuzzi e Sherrod e, infine, con la tripla di Marco Ammannato a 4 minuti dall’intervallo lungo riporta nuovamente Scafati sul +12. Un minuto dopo merita una menzione speciale l’azione di Gabriele Spizzichini: il playmaker della Givova ruba palla in difesa e si invola in contropiede, mettendo a segno il canestro che vale il 45-33. Da qui in poi è solo dominio gialloblu, con la Givova che va a segno con Sherrod e Crow e va all’intervallo lungo sul 50-33.

PIOGGIA GIALLOBLU – Di ritorno dagli spogliatoi c’è solo una squadra in campo, ed è quella in maglia gialla: Scafati trova le misure agli avversari che non riescono più a tornare in gioco e cedono all’onda d’urto della squadra di Perdichizzi. Brandon Sherrod giganteggia sotto canestro, sia in fase difensiva che offensiva, chiudendo il match con 21 punti all’attivo e 30 di valutazione. Ottima prova anche del nuovo arrivato Lawrence, con 19 punti, 23 di valutazione e 5 assist vincenti. La doppia cifra toccata anche da Romeo e Ranuzzi consegna, al suono della sirena, una Givova solida e ritrovata, lontanta parente di quella squadra smarrita che lasciò a Biella l’opportunità di espugnare il PalaMangano. 88-63 finale è un punteggio che non ammette alcun tipo di replica: Scafati, il derby è tuo.

 

Pasquale Formisano

Condividi