Avellino-Ternana in cifre. Le statistiche della Digital Panini

Verso il Monday Night della Serie B. L’Avellino, in attesa dell’arrivo della Ternana di Breda al Partenio-Lombardi, passerà il week end ad assistere alle partite delle contendenti ad un posto nei playoff e a preparare la sfida interna proprio contro le Fere.

Arrivare a luned√¨ con i risultati delle altre già alla mano potrebbe creare pressione agli uomini di Tesser, che hanno un solo imperativo: vincere. Lo stesso dicasi per la Ternana, che potrebbe avvicinare i Lupi a sei punti di distanza.

Squadre, le due prossime sfidanti, dall’andamento altalenante, ma con un propensione offensiva hanno necessità di fare punti. La partita a cui si assisterà potrebbe essere in favore della squadra rosso-verde. L’Avellino non attende i suoi avversari nella propria metà campo, ma al contrario parte sprintando cercando subito di sbloccare il risultato. I Lupi, però, non riescono perfettamente nel fraseggio con palla a terra, infatti occupa l’ultimo posto della classifica per percentuale di passaggi riusciti. Anche la Ternana soffre in questo particolare di gioco, ma il dato registrato è leggermente migliore. Entrambe le squadre, inoltre, tirano molto spesso verso la porta avversaria, infatti i Lupi continuano a regnare sulla pericolosità creata nella trequarti avversaria. La squadra di Breda, in trasferta, patisce il gioco avversario e lo dimostrano i punti raccolti nelle sedici partite giocate lontano dalle mura amiche (13, con 8 vittorie e 1 solo pareggio) e dalla quantità di gol subiti (26 contro i soli 9 fatti). Stadio tabù per l’Avellino, invece, che del Partenio ha fatto un fortino dal risultato quasi sicuro (8 vittorie e 3 pareggi nelle 15 partite giocate in casa). Questo potrebbe, quindi, indurre a pensare che se ben approcciata, la partita potrà essere rivolta a favore degli irpini. Quello che è sicuro è che ci sarà spettacolo, come sempre stato quando le due squadre hanno giocato una contro l’altra. Sfogliando i precedenti, infatti, si noterà che solo tre volte le porte sono rimaste inviolate e questo risale al doppio incontro della stagione ’75/’76 e poi nell’incontro in casa dell’Avellino della stagione ’77/’78. Negli scontri più recenti -dalla Lega Pro alle varie edizioni della Serie B- il risultato è stato un over per ben quattro volte su sette.

Roberto Breda dovrà, presumibilmente, arrivare ad Avellino senza molti uomini, uno dei quali diventato tra i più pericolosi per gli avversari della sua squadra. Si tratta di Cesar Falletti, che fino a ieri è stata assente dalle sedute di allenamento per un attacco febbrile, ma il tempo è dalla sua parte. Altra grana sarà l’assenza di Luigi Vitale, che con i suoi suggerimenti ha mandato i compagni in porta, registrando sei assist vincenti. Per l’Avellino parziali buone notizie dall’infermeria. Restano indisponibili Tavano e Migliorini, il secondo di sicuro assente per il match, ma rientra Insigne. Il trequartista decisivo contro l’Ascoli, sabato scorso, si sta pian piano imponendo nelle classifiche dei recordman irpini (5 assist vincenti, 5 gol, 38 assist totali). Quindi Tesser, al contrario del suo collega rosso-verde, avrà a disposizione quasi tutti i suoi uomini più pericolosi.

Cristina Mariano