Alfonso Liguori come Renato Cioffi: “Introduciamo lo svincolo a dicembre”

Sono tanti, forse troppi gli allenatori che, a causa di un inizio stagione storto, vengono esonerati e devono passare ad un’intera annata da spettatore. Prigionieri di un regolamento che non fa altro che danneggiare i tecnici del calcio dilettantistico, Renato Cioffi, in tempi non sospetti parlandone con i colleghi di Campania Football, aveva lanciato una proposta. Si tratterebbe di una riforma dei tesseramenti, introducendo lo svincolo a dicembre anche per gli allenatori, in modo tale da poter andare nuovamente sui campi.

Sulla falsa riga di Renato Cioffi, dimissionario dopo poche giornate sulla panchina del Pomigliano, c’è Alfonso Liguori. Il tecnico ex Per San Marzano è infatti reduce da una parentesi alla Torrese. Tramite la nostra redazione, il tecnico boschese si accoda all’appello lanciato dall’ex Avellino: Credo che sia giusto dare, durante l’anno calcistico. un’altra opportunità agli allenatori dimissionari o esonerati nella prima parte del campionato. Un allenatore potrebbe, nel momento degli svincoli dei calciatori a dicembre, essere liberato e cercare di essere disponibile per una nuova squadra. La scuola allenatori dice di farci tesserare, farci fare contratti e firmare ma non ci dà possibilità di poter cambiare. Cos√¨ si dà solo opportunità ad allenatori furbi di allenare e non firmare, vedersi qualche partita dalla tribuna e caso mai lasciare e trovarsi un’altra sistemazione. Devono esserci più controlli e le società dilettantistiche non dovrebbero permettere di giocare senza aver tesserato la figura dell’allenatore, hanno l’obbligo di fare i contratti”.

Nunzio Marrazzo

Condividi