Acquachiara. E’arrivato Draskovic: “Darò il massimo”

Alle 17,03 di ieri pomeriggio, alla Stazione Napoli Centrale, è arrivato Dragan Draskovic, attaccante montenegrino polivalente prelevato quest’estate dal Budva. Un ritorno in Italia per il venticinquenne che due stagioni fa ha militato nel Civitavecchia, risultando a fine stagione, miglior marcatore per i laziali. Le sue buone prestazioni con i rossoblu gli hanno valso la convocazione per i Giochi Olimpici di Londra 2012 con la sua nazionale; contratto annuale per lui con la possibilità di rinnovo per la prossima stagione.
“Sono felice di tornare a giocare in Italia- ha spiegato il montenegrino- Ho sfidato due anni fa l’Acquachiara e sono rimasto colpito dalla sua organizzazione interna; molti miei amici pallanuotisti mi hanno parlato benissimo di questo club. Arrivo a Napoli con tante motivazioni: in primis voglio a tutti i costi tornare ad indossare la calottina della nazionale e partecipare ai Giochi di Rio 2016; per fare ciò devo fare bene, benissimo qui con l’Acquachiara e prometto ai tifosi che darò il massimo sempre, sia in partita che nel corso degli allenamenti”.
Già nel pomeriggio Draskovic si è tuffato in acqua nella vasca della mostra d’Oltremare dove ad attenderlo c’erano i suoi nuovi compagni di squadra ed il suo nuovo coach Paolo De Crescenzo; non solo, nel corso dell’allenamento contro i cugini del Posillipo, Draskovic ha avuto la possibilità di salutare ed incontrarsi con i suoi connazionali rossoverdi Radovic e Klikovac.
“Ho visto Dragan molto motivato- ha aggiunto il d.g. Massimo Pezzuti, che ha condotto in porto la trattativa- E’ un atleta molto professionale: basti pensare che volevamo concedergli un pò di riposo dopo il lungo viaggio ma lui ha voluto subito entrare in vasca. Gli avevamo consigliato di non prendere parte, Sabato e Domenica, al Torneo di Acciaroli ma ancora una volta ci ha stupito declinando la nostra proposta e accettando di giocare la sua prima partita in calottia biancazzurra. Sono sicuro che questo ragazzo farà molto bene in casa Acquachiara”

Gianluca Leo

Ufficio Stampa Carpisa Yamamay Acquachiara

 

Condividi