Wow Green House Aversa, vittoria nel big match col Castello

Vittoria spaziale della Wow Green House Aversa nel big match contro la Sistemia Aci Castello. Gara fantastica dei normanni che sono più forti anche delle assenze e vincono 3-1 in un PalaJacazzi che dimostra, ancora una volta, di essere l’uomo in più in campo. Una gara fantastica, emozioni a non finire. Grande pallavolo e una sfida che da tanto – forse troppo – tempo non si vedeva da queste parti. E così Aversa si conferma in vetta, e si conferma la vera corazzata di questa Serie A3.

PRIMO SET. Partenza sprint per la Sistemia Aci Castello (2-6) e sul 3-8 primo time-out del match affidato a coach Tomasello. Aversa però è in partita, entrano nel match Cuti e Morelli e pian piano la Wow Green House si rifà sotto fino all’11 pari con Lucconi che spara out. Poi da lì inizia un’altra partita. Doppio Morelli e i padroni di casa vanno addirittura avanti di 2 (15-13), vantaggio che aumenta fino al 20-16 ma i siciliani impattano dopo un break di 4 punti (20-20). Poi è gara di nervi, vince Aversa con l’invasione di Frumuselu che invade a rete e regala il 25-23.

SECONDO SET. Il perfetto contrario del primo set. Parte meglio Aversa (9-5) ma è un fuoco di paglia perché la Sistemia prima pareggia a 11 e poi va avanti fino al 12-14 di Smiriglia. Il risultato premia i siciliani (14-17), la Wow Green House si rifà sotto (17-18) e Kantor chiede 30 secondi di stop alla gara. Al rientro in campo Cottarelli fa il fenomeno, ace del 17-20 e time-out Tomasello. Gradi regala 4 set point (20-24), si cambia campo 21-25.

TERZO SET. Lucconi porta avanti la Sistema (4-6) ma Aversa raccoglie punti un po’ alla volta e col muro di Starace torna avanti (11-10). Ace di Diana che vale il +4 (17-13) ma non basta a chiudere: 18-16 e time-out Tomasello. Punto a punto fino alla fine del parziale, si va ai vantaggi. Gara nervosa, grande pallavolo e scambi lunghissimi. Ma vince Aversa: monster block di Putini e 30-28 che vale il 2-1.

QUARTO SET. Sette pari ma poi la Sistemia va avanti 9-11 e coach Tomasello ferma il gioco. Sul 16-19 di Lucconi sembra essere indirizzato verso la Sicilia il quarto parziale ma la Wow Green House Aversa ha un cuore grande come una casa. Pareggio a 20 con l’ace di Starace. Punto a punto e nuovamente 23-23. Primo set point e poi il ‘dramma’ sull’attacco di Sacripanti: pallone da ‘4’ attaccato sul muro, la sfera schizza e va fuori. Dovrebbe essere l’ultimo punto. Ma l’arbitro chiede videocheck: la tecnologia dà ragione ai normanni che possono esultare, vittoria spaziale.