“Wags a chi?” Non solo veline. Tutto l’amore che ha, Roberta Somma: “Non cambierei niente di lui”

Con l’emergenza sanitaria, ahi loro, le mogli e le fidanzate dei calciatori possono godersi i loro mariti, senza l’intrusione del calcio. Fine settimana con i compagni di vita, che hanno scelto nonostante le assenze, gli impegni, i ritiri, le trasferte. Donne magari sportive, magari no. Donne che dividono il proprio uomo con una lavoro particolare, quello di giocatore. Le chiamano wags e spesso sono il bersaglio di offese o insulti, perchè responsabili di questa o quella scelta di maglia del consorte. Con la nostra redazione abbiamo deciso di navigare nel mondo del lato femminile dei calciatori con la nostra rubrica “Wags a chi?” Non solo veline.

Per la decima uscita siamo andati a scavare in casa Malafronte, per conoscere Roberta Somma, promessa sposa del bomber Alessandro Malafronte.

Promessi sposi, Roberta e Alessandro hanno vissuto questa quarantena insieme, senza stancarsi l’uno dell’altro. Insomma una prova del nova per la coppia: “E’ stato un periodo duro per tutti, ma è stato solo la riconferma di quello che desideriamo -racconta Roberta Somma alla nostra redazione- Ovvero continuare a condividere la nostra vita insieme”.

Proprio in vista della vita insieme, Roberta ha ben chiaro il suo futuro con il bomber della Scafatese: “Non potrei desiderare papà migliore per i nostri futuri figli, un papà dolcissimo e un marito che augurerei ad ogni donna! Forse è vero che quel famoso principe azzurro esiste”.

Romanticismo e dolcezza per Lady Malafronte, che del suo Alessandro “non cambierei niente. Amo ogni suo pregio ma anche ogni suo difetto”. Anche se:”Credo che renda molto più in campo che come “casalingo” pero’ devo ammettere che ci mette impegno in ogni cosa che fa”.

Pensando proprio al Malafronte calciatore: “In casa c’è tutto dell’Alessandro calciatore, penso, Un ragazzo umile e altruista, l’ho sempre detto che un grande giocatore per me è in primis un grande uomo nella vita quotidiana”.

Roberta segue Alessandro sempre: “Condividere la vita con un calciatore indubbiamente è impegnativo: seguire i sacrifici e le esigenze di un calciatore professionista, ma fin dall’inizio ho appoggiato ogni sua decisione e oggi giorno va spronato chi vive di questo. Però mi piace seguire lo sport, in particolare il calcio soprattutto quando vedo il mio fidanzato in campo! Sono la sua tifosa numero uno! Un posto fisso?  No e ne sono felice perché amo partecipare alle emozioni dei tifosi”.

Tanto duro in campo, quanto dolce con la sua anima gemella: “il gesto più’romantico forse lo ha fatto inconsciamente quando, ritornato dal suo infortunio più importante, si è voltato verso di me e ci siamo detti tutto in quel momento!”

Per l’attaccante gialloblù 108 gol in carriera, di cui 98 in Eccellenza, 4 in C2 e 6 in Serie D: “Quanti me ne ha dedicati?  Credo la maggior parte di questi, è impossibile contarli tutti”.

Condividi