Virtus Goti. Bomber De Matteo suona la carica: “Obiettivo? Quota 100”

La Virtus Goti sta passando un momento non particolarmente felice dal punto di vista emotivo, ma anche dei risultati. Il pareggio contro il Campania Felix su rimonta ospite ne è la conferma. Al contrario delle altre annate, infatti, la squadra saticulana non è riuscita a iniziare in maniera brillante.

“Un avvio non brillante se guardiamo i risultati, ma dal punto di vista del gioco abbiamo dimostrato di essere una buona squadra che può giocarsela con chiunque -commenta ai nostri microfoni bomber Umberto De Matteo- Abbiamo sicuramente qualche lacuna in qualche reparto ma su questo la società si è già messa all’opera per dare al mister una rosa più completa e più esperta”.

La perdita di patron Carfora è stata certamente un colpo dal quale la squadra deve ancora riprendersi ed infatti proprio nel pomeriggio di oggi scenderà in campo per il recupero della sfida contro il Teano per poi giocare nuovamente il prossimo week-end per la settima giornata di campionato: “La perdita del presidente è stato un duro colpo per tutta la città, per tutta la Virtus Goti. √à stata una settimana in cui TUTTI noi, dal primo all’ultimo, abbiamo dato qualcosa in più, sia dal punto di vista calcistico che da quello umano. La prima senza il nostro presidente è stata emozionante, ma nonostante ciò, siamo scesi in campo con la giusta determinazione, volevamo far risultato a tutti i costi e per 70 minuti ce l’abbiamo fatta. Poi, qualche errore del singolo abbinato all’inesperienza della nostra squadra ci ha portati al 3-3 finale. Per quel che riguarda il Teano, arriviamo con la consapevolezza di poter dire la nostra, abbiamo ancora qualche infortunato ma, grazie al mister, tutti hanno assimilato gli schemi nel miglior modo e quindi tutti, anche ragazzi che giocano meno, daranno il 110% per portare a casa il risultato e dimostrare al mister che sono importanti per la causa Virtus Goti”.

Nella scorsa annata sono stati 12 i gol siglati da De Matteo e attualmente sono 4 quelli messi a segno in questo avvio di stagione: “Ovviamente, il desiderio di ogni attaccante è quello di fare più gol possibili, magari arrivare nei primi 3 posti della classifica cannonieri, ma quest’anno ci sono dei concorrenti di prestigio come il mio amico Antonio Infimo, giocatore di altre categorie, ho avuto l’onore di giocare con lui in eccellenza, per questo conosco in prima persona il suo reale valore. Adesso sono a quota 4 gol, ne mancano 11 per raggiungere i 100 gol in carriera, è questo il mio obiettivo ad oggi”.