Victoria Solofra-Real Cesinali. Il “giallo…nero” sul ritardo

E’ la penultima giornata di serie C1, le ‘radioline’ sostituite da tablet e telefoni sono puntate su due campi in particolare: a Santa Maria Capua Vetere e a Solofra. In territorio casertano la sfida più importante, quella tra Real Sant’Erasmo e Saviano che potrebbe rappresentare l’ultimo grande ostacolo verso i playoff nazionali per i savianesi, in Irpinia il derby tra Victoria Solofra e Real Cesinali.

Si chiede la contemporaneità nelle ultime gare, mentre alle 15:04 inizia la sfida del Rione IACP, in quel di Solofra il fischio d’inizio tarda di oltre venti minuti. Indipendentemente dal risultato finale, ciò che salta agli occhi è di certo tale discrepanza, forse mai avvenuta in tutto il campionato. Abbiamo chiesto lumi ai diretti interessati, ecco le parole di Palumbo, dirigente del Victoria Solofra: ”Purtroppo il caos si è creato al momento del riconoscimento, quando noi avevamo due divise di colore giallo o blu, mentre gli ospiti disponevano solo delle maglie giallo-nere. E’ cos√¨ che abbiamo dovuto recuperare una serie di maglie, seppure gli ospiti erano in leggero ritardo, tutto si è prolungato per questo episodio”. Gli fa eco Saverio Nunziata, patron del Cesinali: ”Per motivi di lavoro abbiamo atteso l’arrivo di Brillante, uno degli under da schierare in distinta oltre che giocatore fondamentale, siamo arrivati al campo alle 14:40, alle 15:10 eravamo entrambe pronte, ma abbiamo atteso le maglie. Congetture? Credo abbiano contato le motivazioni, loro avevano più fame e voglia di salvarsi, noi alla lunga siamo calati anche per il caldo”.