Turris. Primicile annuncia una possibile sorpresa: “Liguori? Stiamo lavorando per il derby”

Tutti al “Novi” è il motto della Turris, che per la sfida contro l’Anagni, in campionato, e contro il Sorrento, per la Coppa Italia di Serie D, deve fare ancora a meno del proprio stadio.

Nella giornata di ieri la paura di non riuscire a trovare uno stadio libero, a causa delle partite casalinghe di Frattamaggiore Calcio e Portici, poi la soluzione. “Per evitare di giocare le partite senza i nostri tifosi, preferiamo chiedere ospitalità ad altre città -spiega il direttore generale Primicile sulle colonne di Metropolis- Bisogna pazientare ancora per una trentina di giorni. Perlomeno questo è quello che ci hanno detto da fonti del Comune. Dobbiamo aspettare il dissequestro definitivo della tribuna, che ormai dovrebbe arrivare a giorni. Poi si lavorerà per la costruzione del cancello per i distinti. Non siamo felici di questa situazione, ma dal Comune si sta muovendo qualcosa, questo è un aspetto certamente positivo ed incoraggiante. Inoltre -continua Primicile- i lavori stanno procedendo, stanno correndo per cercare di finire il prima possibile. Dire il contrario sarebbe una bugia. Intanto i ragazzi sanno che dobbiamo stringere i denti per questi ultimi sforzi e sacrifici e poi torneremo a casa”.

Se per le gare ufficiali, ancora non è possibile giocare al Liguori, cos√¨ non è per le sedute di allenamento settimanale. E’ circa una settimana che la preparazione avviene tra le mura amiche dell’impianto torrese. La società, comunque, potrebbe regalare una sorpresa ai propri tifosi: “Sia con l’Anagni, che con il Sorrento in Coppa Italia, giocheremo allo stadio Novi di Angri. Una soluzione alternativa per questi ultimi. Stiamo comunque lavorando affinchè per la partita contro il Portici, quindi la sesta, si possa giocare al Liguori con almeno un settore aperto -confessa il direttore generale- Bisogna capire se la tribuna o i distinti, ma la nostra intenzione è giocare il derby in casa”.

Davide Brasiello

Condividi