Torneo delle Regioni. Il responsabile Errichiello valuta l’esordio: “Giornata chiaro-scura sia nella sconfitte che nelle vittorie”

Un bottino che fa sorridere solo a metà per la Rappresentativa Campania all’esordio nel Torneo delle Regioni con la Sardegna. Due vittorie e due sconfitte è il bottino di questa prima giornata della competizione nazionale di calcio giovanile. Tre punti importanti per Femminile e Giovanissimi, mentre Allievi e Juniores cadono con il medesimo risultato: 2-1.

La nostra redazione ha contattato il Consigliere Regionale, nonchè Responsabile tecnico della Rappresentativa Campania, Salvatore Errichiello, che in esclusiva commenta la prima giornata dei ragazzi e delle ragazze scesi in campo tra stamattina e oggi pomeriggio.

“E’ un esordio chiaro-scuro -esordisce- perchè ci sono delle note positive e delle note negative sia nelle sconfitte che nelle vittorie. Se devo andare nei dettagli, i Giovanissimi sono stati autori di una vittoria davvero importante contro una squadra davvero forte. Per quanto riguarda gli Allievi c’è davvero tanta amarezza. Ancora non ci capacitiamo della sconfitta: una buona prestazione ma c’è andato tutto storto. I ragazzi di Monaco, infatti, hanno creato tantissime palle gol, ma non sono riusciti a mandarla in porta, poi il portiere, Carta si è superato su tutti i tiri più pericolosi, ci hanno negato due rigori. Alla fine siamo riusciti a segnare, ma siamo amareggiati. Dalla Femminile mi aspettavo questo esordio -continua- perchè c’è una coesione maggiore, sono più gruppo. Ci sono molte della stessa squadra, ma soprattutto essendo un’Under 23 puoi portare avanti un gruppo per 3 o 4 anni, cosa che non si può fare con le altre categorie, perchè il massimo a cui si può arrivare è due anni consecutivi. Le ragazze hanno già giocato assieme nella scorsa edizione -sempre allenate da Raffaele Ciccarelli- quindi sono più unite e si conoscono di più. Ha vinto la compattezza. Infine la Juniores: i ragazzi hanno iniziato benissimo, nei primi quindici minuti la Sardegna non ha toccato palla, poi al 28′ c’è stata la svolta. Calcio d’angolo per noi, abbiamo sfiorato il gol. Eravamo un po’ scoperto, la difesa ha ribattuto e ha mandato in porta un velocista come Diouf che con un pallonetto ha tagliato le gambe alla formazione di Carullo. Dà l√¨ il match è cambiato. La Sardegna si è arroccata in difesa tenendo davanti solo Cissè e Diouf, due contropiedisti e per noi è stato davvero difficile, poi c’è stata molta imprecisione nei passaggi. Non me l’aspettavo anche perchè questi ragazzi sono tutti titolari nelle solo squadre e sono i perni del centrocampo. Hanno pagato la frenesia. Nel finale siamo riusciti a segnare abbiamo anche sfiorato il pareggio. E’ andata cos√¨; in questi tornei in cui si gioca in giorni cos√¨ ravvicinati, queste cose possono capitare. Domani sarà un’altra giornata e sarà un’altra storia. Affronteremo la Toscana, squadra ostica in tutte e quattro le categorie. Inizierà un altro meccanico e un altro gioco: vincerà chi avrà i nervi più saldi. La reazione sarà importantissima, anche perchè oggi ci aspettavamo una sfida più agevole eppure abbiamo trovato una Sardegna davvero forte, domani sappiamo che sarà difficile, ma si sa che le motivazioni possono cambiare le carte in tavola. Per i Giovanissimi sarà durissima perchè so che la Toscana è davvero forte. E’ un girone di ferro, lo sapevamo. Anche l’Umbria ha portato a casa dei risultati importanti pareggiando in due partite proprio con la Toscana. Adesso bisogna azzerare tutto -conclude- ricominciare domani per cercare il riscatto o la continuità”.

Cristina Mariano