Top & Flop. Gelbison impatto da urlo, Giugliano pronto alla risalita

Con il campionato di Serie D torna anche la nostra rubrica: “Top & Flop” di Serie D in cui andremo ad analizzare le partite e le prestazioni della campane. Tra le tante scoveremo le tre best free e le tre worse three della settimana. In questa, però saranno solo due le peggiori, anche grazie ai risultati che premiano le campane.

TOP

GELBISON – Ottimo esordio per Alessio Martino e i suoi, che hanno approfittato di una Fidelis Andria non certamente convincente. Bellissimo il gol di Rizzo che ha aperto le danze, non di meno gli altri. Aggressività e pressing convincente che hanno permesso alla quadra cilentana di portare gli avversari all’errore.

GLADIATOR – Bell’approccio della squadra di Pasquale Borrelli che esordisce con una vittoria contro il Team Altamura. partita vivace, piacevole e che ha divertito, ma che ha visto i sammaritani certamente in vantaggio rispetto alla squadra di De Felice. Ziello l’uomo più pericoloso, assieme ad un Di Paola che ha ormai abituato troppo bene. Spina nel fianco nella costruzione e distribuzione del gioco.

TURRIS – Corallini straripanti a Colleferro, dove hanno esordito nel girone G di Serie D. La squadra di Franco Fabiano fa tutto benissimo, anche tenere a bada la formazione avversaria senza mai rischiare di mettere il risultato in pericolo.

FLOP

GIUGLIANO – Brutta batosta per i tigrotti che si leccano le ferite all’indomani dal poker di Castrovillari. A deludere maggiormente è la difesa con Impagliazzo che viene graziato due volte, la prima per un fallo con piede a martello sul quale riceve solo l’ammonizione, la seconda su un tocco di mano non visto dal direttore di gara. Oltre ad Impagliazzo, però, sbaglia tutta la retroguardia, soprattutto nella lettura delle azioni avversarie che arrivano senza l’ostacolo di nessun calciatore.

SORRENTO – Un tempo regalato all’Agropoli, quello che è servito alla squadra di Ferazzoli per mettere la partita e il risultato in discesa. Ecco, quindi che arriva la prima sconfitta per il team dei costieri che non riescono a recuperare nel secondo tempo, quando i delfini mettono il risultato sul 2-0, ma non chiudendo definitivamente il match. Cacace a dieci minuti dal termine prova a rimetterla in piedi e ce la fa, ma il tempo è poco. Pesano quindi i primi 45′ non certamente ottimizzati.

Cristina Mariano

Condividi