Tim Cup. Milan-Udinese 1-2: Kakà e Balotelli predicano nel deserto, Lopez fa il miracolo

Arriva la prima sconfitta per Seedorf, Balotelli apre, poi Muriel su rigore e una perla di Nico Lopez. Dopo il buon esordio nel posticipo vittorioso di campionato contro il Verona, arriva la prima bufera per la luna di miele di Seedorf. Il Milan è apparso involuto e spesso fuori dagli schemi. Eppure la gara si era messa in discesa per i rossoneri, grazie alla rete di Balotelli dopo appena 7′ minuti: contropiede veloce e in collaborazione con Birsa è “SuperMario” a firmare. Ma l’Udinese non demorde, passa qualche minuto e arriva la reazione bianconera, che spesso mette in difficoltà la retroguardia milanista. Su un’incursione in area di Widmer è il rossonero Emanuelson ad intervenire fallosamente, concedendo il rigole. Sul dischetto Muriel non sbaglia al 41′, mandando le squadre al riposo sul momentaneo equilibrio. La squadra di Guidolin ha un’arma in più in panchina, uno scatenato Totò Di Natale che da vero allenatore in seconda sprona costantemente i propri compagni. Il colpaccio è nell’aria, con l’Udinese che avanza e il pubblico rossonero che fischia, la mossa di inserire Nico Lopez è quella che risulterà decisiva per Guidolin, bastano tre giri di lancette all’uruguayano per beffare Abbiati con un sinistro preciso all’angolino. Al Milan poco vale l’inserimento di Honda nei minuti finali, finisce con la vittoria dei friulani che conquistano la semifinale di Coppa Italia Tim Cup 2013/14. L’Udinese dovrà affrontare la vincente del derby toscano tra Fiorentina e Siena, mentre Seedorf manca il primo traguardo della sua nuova carriera in panchina.