Sporting Sala Consilina. Sicilia amara, il Meta Catania vince in rimonta

Non è bastata una grande partenza e il doppio vantaggio allo Sporting Sala Consilina, non è bastato essere la prima squadra a mettere sotto il Meta Catania di due reti a domicilio, non è bastato perchè alla fine a trionfare sono stati i padroni di casa. Finisce 5-3 al PalaCatania, dove dopo lo 0-2 a metà primo tempo, i rossoazzurri guidati da capitan Musumeci hanno ribaltato la gara e messo la freccia.

RIBALTONE – La metà del primo tempo è tutta a tinte gialloverdi, lo Sporting scende in campo con grande convizione e compattezza rendendosi subito pericoloso con il palo di Bateria. Pochi minuti e i draghi salesi passano in vantaggio, finalizzando uno schema su calcio di punizione che libera Volonnino per la prima marcatura dei ragazzi di mister Fabio Oliva. I padroni di casa centrano un legno clamoroso con Dian Luka ma è ancora il Sala Consilina a trovare la via del gol, ancora un calcio piazzato decisivo: punizione di Bateria respinta da Timm, sulla ribattuta è lesto Carducci a mettere in rete, è 0-2 a Catania. Mai quest’anno gli etnei erano andati sotto di due gol e, infatti, la reazione è più che rabbiosa. I padroni di casa si svegliano e iniziare la loro rimonta, dove in meno di 7 minuti si portano dallo 0-2 al 3-2. E’ Podda a dare la carica accorciando le distanze, poi Pulvirenti trova la rete del pareggio. Nel finale di tempo Dian Luka si inserisce da calcio d’angolo e batte Fiuza a 6 secondi dal termine della prima frazione.

EXTRA MUSUMECI – Intervallo shock per la squadra cara ai presidenti Detta che, nella ripresa, non riesce a ritovare il giusto piglio e diviene preda degli attacchi dei siciliani. Podda centra un altro legno per il Catania, poi Dian Luka inizia il suo duello personale con Fiuza che si esalta con grandi parate. Nonostante il talento, il portiere gialloverde non può più nulla quando il capitano dei rossoazzurri, Carmelo Musumeci, si inventa un gol da extraterrestre dove dribbla il primo avversario con una giocata di suola, salta il secondo con una ruleta e batte Fiuza con grande freddezza, portando i suoi sul 4-2. Un gol da appluasi per il capitano della Nazionale Italiana che colpisce anche mentalmente i gialloverdi, impotenti dinanzi alla giocata del 22. Lo Sporting Futsal prova a rientrare in gara guidato da capitan Brunelli ma è il Meta Catania a trovare ancora la rete, stavolta in contropiede con Pulvirenti che fa doppietta realizzando il 5-2. L’orgoglio però non manca ai gialloverdi, con Volonnino che non si arrende e di tacco libera capitan Brunelli che accorcia le distanze a un minuto e mezzo dal termine.

Finisce 5-3, con i gialloverdi che non sono riusciti nell’impresa di espugnare un campo dove finora quest’anno nessuno è riuscito a piantare bandiera. Lo Sporting ci sta abituando a sovvertire spesso i pronostici, ma stavolta i ragazzi di Oliva tornano a casa senza punti seppure con una nuova esperienza per continuare a crescere e migliorare.

Ora, i draghi gialloverdi, proveranno a rialzare la testa la prossima settimana quando al Centro Sportivo Meridionale di San Rufo ospiteranno la Came Treviso.

META CATANIA-SPORTING SALA CONSILINA 5-3 (3-2 p.t.)
META CATANIATimm, Silvestri, Pulvirenti, C. Musumeci, Turmena, Manservigi, Podda, Dian Luka, Salamone, G. Musumeci, Bocao, Anderson. All. Rodrigues

SPORTING SALA CONSILINAFiuza, Grasso, Volonnino, Brunelli, Bateria, Pozzo, Carducci, Arcidiacone, Zonta, Stigliano, Abdala, Teramo. All. Oliva

MARCATORI: 3’00” p.t. Volonnino (S), 10’20” Carducci (S), 13’20” Podda (M), 18’00” Pulvirenti (M), 19’54” Dian Luka (M), 10’05” s.t. C. Musumeci (M), 17’22” Pulvirenti (M), 18’30” Brunelli (S)
AMMONITI: Grasso (S), Brunelli (S), Podda (M), Turmena (M)

ARBITRI: Chiara Perona (Biella), Alessandro Cannizzaro (Ravenna) CRONO: Massimo Seminara (Palermo)