Sicula Leonzio-Casertana 2-2. Falchetti ancora a secco di vittorie, solo un pari a Lentini

Il periodo no della Casertana non accenna a fermarsi. Dopo la sconfitta in rimonta subita domenica scorsa con la Vibonese, i falchetti di mister Ciro Ginestra escono da questo turno infrasettimanale della 28esima giornata del girone C di Serie C con appena un punto. Il club rossoblù porta a casa solo un pareggio in occasione dello scontro diretto per la salvezza disputato a Lentini contro la Sicula Leonzio di Vito Grieco. Una pari amaro per i rossoblù, che dopo il doppio vantaggio maturato grazie all’autogol di Bariti e Castaldo, si sono fatti rimontare dalle reti di Provenzano e Lescano. Ennesima giornata storta, dunque, per la Casertana che con il risultato di oggi ha raggiunto quota 10 gare senza successi (7 pareggi e 3 sconfitte). L’ultima vittoria dei rossoblù risale allo scorso 8 dicembre: Ternana-Casertana 0-1. Mentre l’ultimo successo interno risale addirittura al 17 novembre contro l’Avellino (2-0).

CASERTANA ARREMBANTE, MA LA SICULA LEONZIO C’È

È la Sicula Leonzio ad avere la prima chance del match. I siciliani, dopo sette minuti di gioco, aprono le danze con una punizione di Provenzano. Ma il numero 5 dei bianconeri conclude male, spedendo la sfera ampiamente al lato. Non è affatto tardiva la risposta della Casertana di mister Ciro Gienstra. I rossoblù, infatti, replicano subito con Starita che innesca in area Tascone, il quale lascia partire una bordata di prima intenzione senza però trovare lo specchio della porta. I falchetti prendono campo e al 10’ ci provano nuovamente. La Casertana prova a fare male i siciliani ancora dalla catena di sinistra. Zito pesca D’Angelo che senza pensarci su due volte crossa dentro, dove trova Longo che da ottima posizione manca il bersaglio. Al 17’ è la Sicula Leonzio ad andare a caccia del vantaggio con una pennellata di Parisi che però Lescano non sfrutta nel migliore dei modi, concludendo alla destra della porta difesa da Crispino. Due minuti dopo a mettere i brividi alla Casertana è Scardina che si mette in mostra con un azione personale, ma il suo destro è impreciso. Al 22’ sono i falchetti a fare la voce grossa, trovando la rete del vantaggio grazie alla deviazione di Bariti, che nel tentativo di anticipare l’avversario sullo spiovente di Zito, ha insaccato la sfera alle spalle di Adamonis. Proprio dopo la rete del vantaggio, la Casertana è costretta ad attuare il primo cambio del match a causa di un infortunio alla caviglia rimediato da Antonio Zito. A subentrare al posto dell’ex Salernitana è Zivkov. Ma nonostante il ko di Zito, i rossoblù non si perdono d’animo e al 28’ trovano la rete del raddoppio su calcio di rigore per un fallo di Ferrara su D’Angelo. Dal dischetto va bomber Castaldo che con grande lucidità e freddezza, buca l’ex Casertana Adamonis. Il gol del 2-0, però, per la Sicula Leonzio funge come una sveglia. Alla mezz’ora, infatti, i padroni di casa accorciano le distanze con un bolide terra-aria dai 30 metri di Provenzano. Il centrocampista dei bianconeri, sfrutta una respinta dagli sviluppi di un corner, per fare partire una sassata che non lascia scampo a Crispino. La rete messa a segno da Provenzano da una grande iniezione di fiducia alla Sicula Alfonsine che si fa avanti di prepotenza. Al 39’ è Bucolo a provarci con un siluro da calcio di punizione che termina alto. A farsi largo nell’extra time è la stessa Sicula Leonzio che al 46’ sfiora il pari con una stoccata di testa di Scadina che si spegne di pochissimo sul fondo.

ASSALTO SICULA LEONZIO, LESCANO PIEGA LA CASERTANA

Pronti, via. Dopo soli cinque minuti, è la Casertana a creare la prima occasione della ripresa. I falchetti ci provano con una conclusione dal limite di Tascone, ma Adamonis risponde presente facendo sua la sfera senza alcun tipo di problema. La Sicula Leonzio non si lascia intimorire e al 60’ si porta ad un passo dal 2-2. I bianconeri sfiorano il pari prima con una conclusione a botta sicura di Provenzano, neutralizzata da un intervento prodigioso di Crispino, e poi con Lescano che sulla respinta dell’estremo difensore rossoblù spara in out. Poco dopo è ancora la compagine siciliana a fare la voce grossa con Palermo che tira in corsa sul secondo palo, manca di un non nulla il gol. Al 77’ è nuovamente la Sicula Leonzio ad avvicinarsi alla via del gol con una stoccata di testa di Provenzano, ma un provvidenziale intervento sulla linea di Silva salva i rossoblù. Rete che però i bianconeri trovano subito dopo su calcio di rigore trasformato da Lescano che infila la sfera dritto all’incrocio. Nonostante il pari, la Casertana non molla. Al 82’, di fatto, i falchetti trovano ancora una volta la rete del vantaggio  con Petta. Il difensore dei rossoblù sigla il 3-2 sugli sviluppi di un corner, ma l’arbitro ferma tutto per un fallo di mano del numero 6 dei falchetti. Nel finale la Casertana ci prova, ma non basta.

IL TABELLINO DEL MATCH

SICULA LEONZIO-CASERTANA 2-2 ( 1-2 pt)

SICULA LEONZIO (3-4-3): 1 Adamonis, 26 Ferrara (74’ Sabatino), 25 Bachini, 19 Sosa, 13 Parisi (62’ Palermo), 14 Bariti, 30 Bucolo, 5 Provenzano, 7 Grillo (75’ Sicurella), 32 Lescano, 11 Scardina (55’ Catania).

A DISPOSIZIONE: 22 Fasan, 3 Sabatino, 15 Ferrini, 21 Tafa, 24 Reale, 23 Palermo, 4 Sicurella, 9 Catania, 27 Vitale, 18 Terranova, 12 Governali. Allenatore: Vito Grieco.

CASERTANA (3-5-2): 1 Crispino, 6 Petta, 28 Silva, 4 Caldore, 15 Longo (70’ Corado), 8 D’Angelo, 5 Santoro, 36 Tascone (62’ Laaribi), 11 Zito (26’ Zivkov, 62’ Paparusso), 7 Starita (69’ Adamo), 10 Castaldo.

A DISPOSIZIONE: 22 Galluzzo, 13 Zivkov, 14 Ciriello, 16 Matese, 17 Adamo, 18 Clemente, 20 Laaribi, 23 Varesanovic, 24 Origlia, 27 Paparusso, 35 Corado, 33 Cerofolini. Allenatore: Ciro Ginestra.

Direttore di gara: Daniele Paterna di Teramo

Assistenti: Mauro Dell’Olio — Pierluigi De Chirico

Ammoniti: Santoro (38’), Tascone (56’), Corado (71’), Petta (82’), Palermo (91’)

Espulsioni:

Marcatori: Auto gol Bariti (22’), Castaldo (27’), Provenzano (30’), Lescano (79’)

Recupero: 3’ (pt), 4’ (st)

 

Nunzio Marrazzo