Serie D H. Il punto sulla giornata, Caruso: “Girone sempre più entusiasmante”

Ricominciato il campionato e cambiata in qualche posizione la classifica, il girone H parte da subito sull’acceleratore. Pari e patta nel big match, Altamura frenato da un ottimo Gragnano e Cerignola unica a vincere delle contendenti al primo posto.

Lontano dai campi, ma davanti ai filmati delle sfide di ieri, il tecnico ex Aversa Alessandro Caruso ha commentato, in esclusiva per noi, la prima giornata del girone di ritorno: “Dopo le festività e questo periodo di influenza che ha colpito anche me, tenendomi lontano dai campi per visionare qualche partita di persona, da casa tramite filmati e video ho potuto vedere qualcosa sull’andamento dei match. E’ diventato un campionato davvero avvincente, molto più di quanto non lo fosse a metà dicembre quando ci ha lasciato. Si è creato un equilibrio forte, è molto più vivace e pieno di sorprese”.

Partiamo quindi dalla parte alta della classifica e quindi dal match di cartello: “Potenza-Cavese era il match dei match, poteva essere tranquillamente essere di Serie C per blasone, pubblico e spettacolo e non ha deluso le aspettative. Vantaggio Cavese, poi la rimonta del Potenza e con un risultato che lascia aperto tutto per tutti. Il Cerignola vince e continua la sua striscia positiva quasi in sordina da quando è arrivato Teore Grimaldi e l’Altamura viene bloccato da un ottimo Gragnano che con il certosino lavoro di mister Campana ha portato a casa un ottimo punticino per il suo orticello, la salvezza che fino a qui meriterebbe. Quattro squadre in due punti, è vero è solo la prima di ritorno, ma questo andamento continua da da cinque o sei partite. Dietro di loro c’è il Taranto che domenica ospita l’Altamura e ha un’occasione ghiottissima per accorciare quanto meno sul quarto posto. Il Taranto è di certo un avversario che è sempre meglio per le prime della classe tenere lontano. Domenica ha vinto meritatamente contro un’Aversa in difficoltà. I rossoblu hanno trovato una quadratura importante e se vincesse domenica e facendo un filotto di vittorie nelle prossime 3, 4. 5 partite potrebbe essere un avversario fastidioso per il girone di ritorno. Il divario è ampio, 11 punti, ma Potenza e Cavese hanno dimostrato che un pareggio un pareggio l√¨ potrebbe permettere di risalire la china della classifica”.

Per la parte bassa della classifica, invece: “In coda comincia a delinearsi qualcosa. Aversa, Sporting e Frattese sono in difficoltà senza fine. Non riescono proprio a ritrovare risultato e domenica c’è lo scontro diretto che potrebbe far smuovere la classifica almeno ad una delle due e trovare qualche punticino fondamentale per abbandonare l’ultimo o il penultimo posto. La Frattese nonostante l’arrivo di Vitter non riesce a trovare risultati positivi. Il Manfredonia è subito sopra di loro per la sconfitta in rimonta contro la Turris però rispetto alle citate squadre regala prestazioni migliori. Il San Severo, invece, mattoncino dopo mattoncino si muove. Di Turris e Francavilla ho parlato abbondantemente in altre occasioni e ripeto che per me sono squadre superiori che dovrebbero riuscire a tirarsi fuori dalla zona play-out senza problemi, ma resta comunque un posto nella zona calda, ma fino alla Sarnese sono tutte coinvolte e se come abbiamo detto nella parte alta ci sono quattro squadre in due punti, anche nella parte basse regna l’equilibrio. Comunque ottima vittoria in rimonta per i corallini, mentre il Francavilla sta trovando la continuità e domenica ha un’altra ottima occasione per continuare su questo cammino. Gragnano ottimo risultato contro l’Altamura e il Pomigliano con il nuovo tecnico è riuscito a smuovere la classifica”.

Cristina Mariano

Condividi