Serie C/C: la Gelbison supera la Turris

Al Torre di Pagani andava in scena un derby campano prodotto da due formazioni con andamento recente similare: una sola vittoria nelle ultime cinque per la Gelbison, mentre per la Turris il successo mancava da oltre un mese, il roboante 5-3 a Monterosi dell’ 8 ottobre. La formazione iniziale schierata da De Sanzo non prevedeva grosse novità: davanti a D’Agostino, i tre dietro erano Gilli, Cargnelutti e Loreto, Bonalumi si accomodava in panchina.

A centrocampo accanto ad Uliano c’era Citarella, con il rientrante Fornito, sugli esterni Nunziante e Graziani. Davanti con De Sena, Kyeremateng, autore di una perla, utile però solo al fine statistico, domenica scorsa a Pescara. Infermeria piena in casa cilentana, con fuori tra gli altri Statella e Faella. Nella Turris, Di Michele schierava dall’inizio Boccia al posto di Ercolano.  Sugli esterni a spingere Houadi e Contessa, ai lati di Gallo ed Ardizzone, mentre davanti Leonetti, che si presentava a questa sfida con 6 gol realizzati, faceva coppia con Maniero.  Indisponibili Varutti, Di Franco e Taugourdeau. Arbitrava l’incontro il giovane direttore di gara Leone di Barletta.

La cronaca del match: al 3′ si fa vedere la Gelbison con un colpo di testa che termina fuori da parte di Citarella.  Fasi di studio per il primo quarto d’ora, poi per il successivo meglio la Turris che sfiora la rete con una punizone di Leonetti terminata alta e con una conclusione della stessa punta al 29′ clamorosamente sprecata, anche se in fuorigioco. Alla mezz’ora infortunio muscolare per Haoudi, l’esterno italo-marocchino in prestito dal Frosinone, viene sostituito da  Finardi.

La Gelbison riguadagna terreno sul finire di prima frazione:  splendida conclusione di Kyeremateng dalla distanza, ma la punta non è fortunata.  38′: sugli sviluppi di un corner, occasione ghiotta per i rossoblu, ma sull’ invitante palla di Citarella, De Sena per poco non arriva al tap-in. Al 42′ va vicina al gol invece la Turris, grazie all’ispirato Boccia che serve Leonetti il quale prolunga per Ardizzone. Il classe 92 nel rimpallo stava quasi per realizzare un gollonzo.  Sul finire di prima frazione c’è un’opportunità per la Gelbison, ma Nunziante, da buona posizione su lancio di Cargnelutti, non mostra la confidenza necessaria e l’azione sfuma. Si va dunque al riposo sul punteggio di 0-0.

La ripresa inizia senza cambi da una parte e dall’altra.  49′: sventola di De Sena da fuori, palla di poco sul fondo.  Partita meglio la squadra di De Sanzo in questo avvio di secondo tempo: va ancora vicinissima al gol la Gelbison al minuto 54′. Punizione insidiosissima di Fornito: sul tiro del matchwinner di Messina, Perina respinge, la palla arriva sul sinistro dell’ex Loreto che però non riesce a indirizzare in porta.

E’ però il preludio al meritato gol del vantaggio, che arriva al 59‘. Bravo capitan Uliano a saltare Ardizzone sulla sinistra, tocco al centro per lo smarcato De Sena che a tu per tu con Perina lo fredda senza indugi.  Si sblocca la punta napoletana che non segnava dal 2-2 di Potenza.  Il gol incassato probabilmente innervosisce il portiere corallino che rischia la clamorosa frittata un minuto dopo su Kyeremateng che lo va a pressare, ma questa volta, al portiere classe 92, va bene.  La sfortuna, però, perseguita i cilentani dal punto di vista degli infortunati: pochi minuti più tardi infatti, proprio il classe 2000 deve alzare bandiera bianca perchè si infortuna mentre calcia.

A subentragli è Sorrentino. Di Michele passa al 4-3-3 nel tentativo di svegliare la Turris inserendo Giannone, che fu il match winner in coppa Italia nell’ultimo confronto diretto e Santaniello per Maniero e Ardizzone. La formazione di Torre del Greco si dimostra più presente nella metà campo avversaria, ma a farsi vedere è ancora la  Gelbison con rasoiata di Gilli, blocca Perina. Nel finale Di Michele prova a schierarsi con quattro punte nel disperato bisogno di realizzare la rete del pareggio, ma la Turris non si vede dalle parti di D’Agostino e la Gelbison conduce in porto una partita vinta interpretando meglio la gara degli avversari, soprattutto nella ripresa. I vallesi tornano alla vittoria che mancava dal 15 ottobre scorso, ma soprattutto al quarto posto a quota 19.

Sempre più in crisi la Turris che resta a 15. Domenica 20 sfida alquanto proibitiva a Catanzaro per la squadra di De Sanzo, non sarà più facile il compito per i corallini che riceveranno lunedì 21, nel posticipo,il Pescara.

Gelbison: D’Agostino; Cargnelutti, Gilli, Loreto; Nunziante, Uliano, Fornito (84′ Sane), Citarella (64′ Savini), Graziani; De Sena (84′ Bonalumi), Kyeremateng (68′ Sorrentino).    A disp: Vitale, Cannizzaro, Bonalumi, Marong, Savini, Mesisca, Sane, Papa, Paoloni, Foresta, Sorrentino.  All. De Sanzo

Turris: Perina; Manzi, Boccia (84′ Ercolano), Di Nunzio, Frascatore; Haoudi (30′ Finardi), Gallo, Ardizzone (69′ Santaniello), Contessa (84′ Longo); Leonetti, Maniero (69′ Giannone). A disp: Donini, Fasolino, Vitiello, Acquadro, Ercolano, Santaniello, Giannone, Nocerino, Stampete, Invernizzi, Aquino, Finardi, Longo. All. Di Michele

Arbitro: Leone di Barletta (Pressato-Fratello; Recchia)

Marcatori: 59′ De Sena (G)
Ammoniti: Savini (G)