“Sensazioni Azzurre”. La prima di Carlo da avversario

E non gli basta, lo farà due volte in pochi giorni, il suo Milan da cui tanto ha ricevuto e tanto ha dato in successi incredibili insieme a una marea di campioni VERI.

Oggi la realtà è ben diversa, i campioni (zingari) lasciano il Milan (leggi pipita) e lo fanno nel bel mezzo della stagione, guadagnando anche di più in terre britanniche, questo è il pallone di oggi Signori, una rincorsa vergognosa al baciamaglia più falso che esista. Il giocatore di oggi (in generale) col suo comportamento ha perfino superato la più tragica delle situazioni, quando a letto con l’amante scatta la frase: tesoro, non è come pensi‚Ķ .

Ecco, siamo arrivati al totale oblio e non rispetto per l’intelligenza e l’amore dei tifosi verso la maglia di appartenenza. Chiuso il preambolo, Ancelotti vivrà due volte la Scala di Milano, e qui parecchi si divideranno, se è più importante restare in scia della Juve e lontani dall’Inter o battere il diavolo in coppa e continuare verso un trofeo sempre gradito. E’ ovvio che questo Napoli può battere i ragazzi di Gattuso quando vuole ma sappiamo che non è cos√¨. Un ultimo appunto che vorrei fare con Voi è la splendida vittoria con la Lazio, ove si è dimostrato che nessuno è indispensabile, certo, ma quando sai che TUTTI ci sono, non che si pensi di vendere una delle Anime di questa squadra, ovvero Allan.

Si comincia cos√¨ e non ci si ferma più. Aurelio ha dimostrato coi ritocchi consistenti che (se vuole) sa trattenere i big, ma guai far sapere al contadino del petrolio che il cacio diventa più buono in altri lidi. Carlo non è Onnipotente, e una sola gara con assenze cos√¨ importanti è poca per capire se il Napoli può fare a meno dei suoi cardini. Sulla bilancia c’è sempre il bilancio monetario e quello del cuore, ma come detto SU, il baciamaglia non è più credibile, a nessun livello.

A cura di Giuseppe Giannotti