Schumacher. Parla Hartstein, ex medico F1: “Situazione sempre più complicata”

Il quadro clinico di Michael Schumacher “potrebbe peggiorare”. La causa, ha spiegato Gary Hartstein, ex medico della Formula, risiede nei “gravi errori” compiuti mentre il 29 dicembre scorso, quando all’ex campione della Ferrari, furono prestati i primi soccorsi dopo la rovinosa caduta sugli sci. Nel mirino del medico, ha precisato lui stesso su Twitter, non c’e’ pero’ lo staff che ha in cura Schumacher all’ospedale di Grenoble, bensi’ chi lo ha soccorso appena dopo l’incidente. Hartestein se la prende soprattutto con il “ritardi nel trasferimento a un centro neurochirurgico”.
Insieme a questo rinvio sarebbero stati “l’imperizia nel controllare un paziente agitato prima del volo, l’esperienza insufficiente in situazioni del genere e i ritardi nel controllo delle vie respiratorie” a determinare una condizione molto ardua da recuperare. “Il tempo passa”, scrive il 24 marzo scorso, “e diventa sempre meno probabile che Michael possa uscirne”. (