Scafatese. Gialloblù frenano contro la Calpazio

Continua la pareggite esterna per la Scafatese di Mister De Felice che impatta per 0-0 al Tenente Vaudano di Capaccio contro la Calpazio. Recuperato Maraucci in difesa ma con ancora indisponibili Astarita, Formicola, De Sio, Giacinti e Lopetrone, il mister giallobleu propone il 3-4-3 con il tridente offensivo composto da De Vivo, Simonetti e Malafronte mentre a centrocampo il rientrante Costantino va a dare manforte a Cammarota, con Carotenuto e Mejri sugli esterni.

Sul prato in erba sintetica dell’impianto di Capaccio il primo tempo è tutto di marca canarina, con la Scafatese che crea il solito enorme quantitativo di clamorose palle gol ma non riesce a concretizzare, un leit motiv ripetuto molte volte nell’ultimo mese. Al 6′ è De Vivo a provarci per primo con un sinistro dal limite, ma la prima vera e propria palla gol la costruisce Malafronte al 15′ quando con un sinistro velenoso chiama agli straordinari Antico, bravo a deviare in angolo anche grazie all’aiuto del palo. I padroni di casa non riescono a proporsi in produzione offensiva e quindi sono ancora i canarini a mettere i brividi alla retroguardia amaranto in svariate occasioni, come per esempio la spaccata di Carotenuto al 19′ oppure la punizione di Simonetti deviata in angolo al 28′.

Al 32′ l’episodio più ghiotto di tutto il match: Simonetti scatta in posizione regolare e si ritrova a tu per tu con Antico ma non riesce a trovare la freddezza per siglare il vantaggio, colpendo con la sua conlusione proprio il ginocchio dell’estremo difensore; sugli sviluppi dell’azione il numero 7 giallobleu pesca Malafronte che di testa impatta la sfera ma colpisce beffardamente il palo, lasciando in gola l’urlo di gioia del settore ospiti.

Passano 4 minuti e la Scafatese inscena una delle più belle trame offensive di tutta la partita con un’azione di ripartenza che chiama in causa De Vivo, Simonetti, Costantino, Mejri e poi Malafronte, la cui conclusione viene deviata in angolo, mentre stessa sorte capita al 41′ alla conclusione di De Vivo dall’altezza del dischetto, arrivata dopo una spettacolare triangolazione proprio con Malafronte, che aveva liberato il compagno mancino con un tacco illuminante.

Termina la prima frazione e nella ripresa l’inerzia del match non cambia, con gli uomini di De Felice che provano a creare l’occasione per sbloccare il match; complice la stanchezza, però, il secondo tempo vede una Scafatese meno lucida. Al 63′ doppia occasione con le conclusioni di Costantino e Simonetti, mentre nel finale le occasioni capitano sulla testa di Malafronte, che di testa non riesce a girare verso lo specchio, e con la punizione di Siciliano, subentrato al 67′ al posto di Simonetti.

Il triplice fischio finale di Gallo di Bologna divide la posta in palio e vale per la Scafatese il quinto pareggio consecutivo in trasferta, pesantissimo in ottica play off: i canarini, infatti, si vedono superati in classifica dall’Agropoli e dovranno tentare il controsorpasso nelle prossima due sfide di campionato.

CALPAZIO: Antico, Garofalo, Di Genio, Bencardino, Abate, Wurth, Pecora (7′ Magno), Sansone Alessandro 01, D’Ambrosio 03, Funicello 02 (45′ Infante 03), Mastrogiovanni 02 (59′ Monaco).
A disposizione: Venuti, Infante 03, Monaco 01, Fucci 01, Sansone Adriano 02, Puca 02, Magno 02, Orlotti 05, Capozzoli 05.
All: Voza Gaetano

SCAFATESE: Cappuccio 03, Gambardella, Carotenuto 03, Costantino (79′ Manzo), Maraucci, Granata, Simonetti (67′ Siciliano), Cammarota, Malafronte, De Vivo, Mejri.
A disposizione: Farina 01, Spada 04, Cozzolino 04, Aiello 03, Manzo, Balzano 03, Siciliano, Elefante 02.
All: De Felice Severo

Arbitro: Francesco Ennio Gallo di Bologna
Assistenti: Pablo Lemos e Gianluca Ceriello di Nola
Note: Ammoniti: Bencardino (C), Funiciello (C), Granata (S), Costantino (S), Infante (C) Maraucci (S), Sicliano (S), Carotenuto (S). Calci d’angolo: 1-8.