Sassuolo-Napoli 1-6. Che reazione, schiantati i neroverdi

Il Napoli sbanca con un eloquente 6-1 il Mapei Stadium, casa del Sassuolo, e torna a vincere in trasferta dopo tre mesi. La sfida in terra emiliana è il recupero della 21’giornata, match non disputato per l’impegno degli azzurri in Supercoppa in terra araba.

L’ultimo successo corsaro dei campioni d’Italia era datato 25 novembre, sulla panchina del Gewiss Stadium di Bergamo l’esordio di Mazzarri, secondo allenatore di questa stramba e deludente stagione azzurra.
Per Calzona, mister numero tre di questa balorda annata, è la prima gioia dopo i pari vs il Barcellona e quello amarissimo di Cagliari.

Il Napoli si affida ai pretoriani: 9/11 sono i titolari del terzo scudo, a cui si aggiunge Ostigard (preferito a Juan Jesus) e l’ex Traore’, unica reale novità rispetto alla passata annata. Esordio per Emiliano Bigica, ex centrocampista del Napoli pre-aureliano, sulla panchina dei neroverdi, in piena crisi e in piena zona retrocessione.

Gli azzurri partono bene pur creando poco e al 17′ minuto, alla prima occasione casalinga, si ritrovano in svantaggio: tiro da fuori area di Racic e neroverdi avanti. Gli azzurri che giocano praticamente in casa, con una foltissima e “rumorosa” presenza dei suoi tifosi, accusano il colpo ma in due minuti a cavallo della mezz’ora rimettono le cose a posto.

Al 29′ minuto azione sulla destra con Di Lorenzo che trova Anguissa, tacco del camerunense che smarca Rrhamani, il kosovaro trova il pari. Due giri di lancette ed è Oshimen a portare i suoi avanti: ancora capitan Di Lorenzo per Politano e pallone per il nigeriano che di prima intenzione supera Consigli.

Il Napoli si libera delle paure, il georgiano cerca l’eurogol dalla mediana, pallone alto di un soffio. Il tris è però presto servito, 41′ minuto, errore in uscita dei neroverdi, Politano trova Oshimen che batte il portiere di casa.

Nella ripresa il copione non cambia, emiliani in bambola e al 47′ minuto su un errore in uscita, Oshimen servito da Kvara, fa tripletta e poker azzurro. Il Napoli dilaga e al 51’minuto c’è gloria anche per il georgiano con una conclusione chirurgica che si infila nell’angolino.

Dopo l’ora di gioco arrivano i primi cambi, dentro l’ex Raspadori e Natan per Politano e Rrhamani. Il Napoli controlla, gestisce e al 75′ minuto chiude il set con la doppietta del georgiano con una potente conclusione da azione d’angolo.

Minuti finali per Zielinski, Simeone e Dendoncker, ci provano l’ex Raspadori e il polacco ma il risultato non cambia. Tre punti che portano il Napoli a quota 40, gli stessi della Lazio, in ottava posizione. Stagione post terzo orgiastico scudo ampiamente compromessa ma forse c’è ancora un alito di speranza…Le prossime sfide vs le due compagini di Torino ci diranno se la piovosa serata emiliana fu vero risveglio e spartiacque o solo ennesimo rimpianto….

Tabellino Sassuolo-Napoli

SASSUOLO-NAPOLI 1-6

Reti: 17′ Racic (S), 29′ Rrahmani (N), 31′, 41′ e 47′ Osimhen (N), 51′ e 75′ Kvaratskhelia (N)

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Pedersen, Tressoldi (76′ Kumbulla), Ferrari, Doig (56′ Missori); Henrique, Racic (56′ Volpato), Thorstvedt; Bajrami (76′ Defrel), Pinamonti (86′ Kumi), Laurienté.

A disposizione: Pegolo, Cragno, Erlic, Obiang, Lipani, Mulattieri, Berardi, Ceide.

Allenatore: Emiliano Bigica.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani (62′ Natan), Ostigard, Mario Rui; Anguissa, Lobotka (80′ Dendoncker), Traorè (76′ Zielinski); Politano (62′ Raspadori), Osimhen (76′ Simeone), Kvaratskhelia.

A disposizione: Contini, Gollini, Juan Jesus, Olivera, Mazzocchi, Lindstrom.

Arbitro: Sig. Chiffi di Padova.
Assistenti: Sig. Peretti di Verona e Sig. Imperiale di Genova.
IV Uomo: Sig. Di Marco di Ciampino
VAR: Sig. Sozza di Seregno e Sig. Mazzoleni di Bergamo.