Salernitana-Milan 1-2. Leao e Tonali piegano i granata, terzo ko di fila per la squadra di Nicola

Inizia nel peggiore dei modi il 2023 per la Salernitana di mister Davide Nicola. I granata hanno ceduto il passo nel match casalingo contro il Milan di Stefano Pioli, uscito vittorioso per 2-1. I rossoneri hanno espugnato l’Arechi grazie ai gol di Leao e Tonali. Non è servita la rete trovata nel finale da Bonazzoli. Comincia, di fatto, con una sconfitta il nuovo anno per la compagine granata, la terza di fila dopo i ko nelle ultime due gare del 2022 giocate con Fiorentina e Monza.

LA SALERNITANA DURA POCO. DOMINIO MILAN NEL PRIMO TEMPO 

Il match entra nel vivo sin dai primi minuti di gioco. A rompere il ghiaccio è proprio la Salernitana di mister Davide Nicola, adottando un atteggiamento molto aggressivo. Dopo un ottimo avvio dei granata, il Milan inizia a macinare gioco, prendendosi la scena. Infatti, ad avere la prima chance da gol è la formazione rossonera con un’azione personale di Rafael Leao. Il portoghese sciupa da ottima posizione, facendosi ipnotizzare da un attento Ochoa. La manovra della squadra di Pioli si fa sempre più insistente. Dopo la bordata di testa di Giroud, i rossoneri tornano a caccia del gol trovandolo al decimo minuto grazie a Leao. L’attaccante portoghese prima salta Lovato e poi supera Ochoa senza affanni. Con la rete del vantaggio dei rossoneri, iniziano a sgretolarsi le certezze della Salernitana. I granata faticano a tenere il passo del Milan. Non a caso, cinque minuti dopo il gol dello 0-1, la squadra di Pioli realizza la rete del raddoppio. La compagine ospite aumenta il divario con un chirurgico diagonale di Tonali, arrivato su assist di Brahim Diaz. Con il doppio vantaggio tra le mani, il Milan indirizza la gara diventando padrone indiscusso dell’Arechi. Nel primo tempo non c’è storia, le occasioni da gol create dai rossoneri sono molteplici. Tuttavia, il Milan non surclassa del tutto la Salernitana, decidendo di chiudere la prima frazione solo sul punteggio di 0-2.

LA SALERNITANA SI SVEGLIA TROPPO TARDI. OCHOA E BONAZZOLI NON BASTANO 

La musica non cambia nella ripresa, è sempre il Milan di Stefano Pioli a dettare legge in mezzo al campo, complice una Salernitana poco concreta. Infatti, nel momento clou del match, i rossoneri trovano la rete del tris sugli sviluppi di un calcio piazzato trasformato in gol da Brahim Diaz. La rete, però, non viene convalidata per posizione di offside dal direttore di gara dopo l’ausilio del Var. Il gol annullato da una piccola dose di coraggio alla formazione di casa. Col passare di minuti e con l’ingresso di forze fresche, la Salernitana di Nicola prova a riaprire la partita. Dopo altre due parate sontuose di Ochoa, i granata accorciano le distanze trovando la via del gol con Bonazzoli, lesto a battere Tatarusanu sul primo palo. Una rete che permettere all’attaccante granata di eguagliare Marco Di Vaio come miglior marcatore nella storia della Salernitana in Serie A (12 gol). La spinta del pubblico di casa, ma sopratutto la rete di Bonazzoli, danno una grande dose di adrenalina alla squadra campana. I granata si proiettano totalmente all’attacco, cercando in modo ossessionato il gol del pari. Rete che non arriva. Seppur soffrendo nel finale, il Milan passa all’Arechi.


TABELLINO

16 ^ GIORNATA DI SERIE A 

SALERNITANA-MILAN 1-2 ( 0-2 pt)

SALERNITANA (3-5-2): Ochoa; Lovato (64’ Daniliuc), Radovanovic, Fazio; Sambia (84’ Valencia), Coulibaly, Bohinen (84’ Kastanos), Vilhena (64’ Bonazzoli), Bradaric; Dia, Piatek. 

A disposizione: Fiorillo, De Matteis, Daniliuc, Pirola, Bronn, Motoc, Capezzi, Kastanos, Iervolino, Bonazzoli, Botheim, Valencia. Allenatore: Davide Nicola.

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria (72’ Gabbia), Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Bennacer; Saelemaerkers (85’ Vranckx), Brahim Diaz (63’ De Ketelaere), Leao; Giroud (85’ Dest). 

A disposizione: Mirante, Jungdal, Dest, Gabbia, Thiaw, Bakayoko, Pobega, Vranckx, Adli, De Ketelaere, Lazetic. Allenatore: Stefano Pioli.

DIRETTORE DI GARA: Francesco Fourneau di Roma 1

ASSISTENTI: Stefano Del Giovane (sez. Albano Laziale) – Pasquale De Meo (sez. Foggia)

QUARTO UOMO: Ivano Pezzuto (sez. Lecce)

VAR: Maurizio Mariani (sez. Aprilia) – Gianluca Manganiello (sez. Pinerolo).

ESPULSIONI:

AMMONITI: Giraud (53’), Piatek (74’), Bradaric (75’), Coulibaly L. (81’), Daniliuc (93’)

MARCATORI: Leao (10’), Tonali (15’), Bonazzoli (83’)

RECUPERO: 2’ (pt), 8’ (st)