Salernitana, De Sanctis si presenta: “Sappiamo dove intervenire”

“Ringrazio la società per l’opportunità che mi è stata concessa. Sento profondamente la responsabilità di dover fare il miglior lavoro possibile affinché la Salernitana conquisti i successi che merita. Ho la consapevolezza di immaginarmi che questa responsabilità si trasformerà in energia positiva, coraggio, adrenalina e idee. La Salernitana ha un progetto importante che è partito pochi mesi fa e vuole fare grandi cose. Oggi presento anche il mio staff che mi affiancherà: Giulio Migliaccio sarà il responsabile dell’area tecnica, Simone Lo Schiavo è il responsabile dell’area scouting”.

Con queste parole il nuovo Direttore Sportivo della Salernitana Morgan De Sanctis ha esordito nella conferenza stampa di presentazione tenutasi questa mattina presso lo Stadio “Arechi”.

“Puntiamo tutti a un rafforzamento della rosa, ci sono dei profili che abbiamo immaginato possano migliorarci ma c’è bisogno di tempo e che capiscano effettivamente quello che la Salernitana vuole fare” ha proseguito il Direttore. “Sono consapevole che di tempo per il mercato non ce ne sarà tanto perché la stagione inizia presto quindi abbiamo l’idea di chiudere al più presto possibile il maggior numero di operazioni per consegnare al mister la rosa al completo.

Allo stesso tempo non vogliamo farci prendere dalla fretta prendendo giocatori che non facciano al caso nostro. I calciatori devono capire cosa è la Salernitana e cosa vuole fare. Le difficoltà che ho trovato in questi primi giorni sono rappresentate dalle aspettative di giocatori di grande prospettiva che hanno richiesto tempo prima di condividere il progetto Salernitana. Ho fatto una carriera molto importante da giocatore e per giocare in alcuni posti ho rinunciato a molto, quindi quando non si dà valore all’aspetto emotivo di giocare in un posto come Salerno mi sento infastidito”.

Sul mercato: “Botheim è un obiettivo molto vicino, c’è stato l’inserimento di alcune società prestigiose estere ma speriamo di chiudere presto. Bereton Diaz è un giocatore che ci piace ma fa parte di un mercato difficilmente attaccabile, bisogna avere pazienza. Per quanto riguarda Ederson si erano create tutte le condizioni per il trasferimento poi il calciatore e il suo entourage hanno dimostrato di voler restare a Salerno e per noi averlo in rosa è un valore aggiunto.

Bonazzoli sto pensando fortemente di riportarlo a Salerno ma in questo momento c’è più voglia della società che dell’altra parte. I nuovi acquisti della Salernitana dovranno essere giovani, forti e in grado di imporsi velocemente. Il Presidente ha garantito un budget importante e assolutamente di garanzia per fare in modo che la Salernitana abbia una rosa più competitiva di quella dello scorso anno. A differenza di altri club noi non siamo nella condizione di dover vendere o svendere i nostri giocatori più importanti e questo è un valore che ci lascia lavorare sereni”.

“Sappiamo benissimo dove dobbiamo intervenire, quello che l’allenatore cerca e le caratteristiche dei giocatori che servono. Partiamo da una rosa che deve essere integrata e non stravolta, stiamo condividendo con il mister una squadra che sappia reggere l’impatto con la Serie A in maniera giusta. La base di partenza è il 3-5-2, poi quando la rosa sarà definita l’allenatore troverà le soluzioni tattiche migliori per la squadra. Numericamente abbiamo tanti giocatori in uscita, alcuni partiranno per il ritiro ma è evidente che qualcuno andrà via”.

De Sanctis ha quindi concluso: “La salvezza alla penultima giornata è l’obiettivo, lo dico con grande entusiasmo perché credo fortemente in questa cosa. La Salernitana quest’anno ha bisogno di consolidarsi. Mi aspetto che i tifosi ci siano vicini dall’inizio alla fine e sono sicuro che lo faranno, ma non devono pensare che questo club in pochi mesi possa affermarsi come hanno fatto altri club in tanti anni.

Faremo un campionato anche di sofferenza, che speriamo termini a più giornate possibili dalla fine. Sono molto sicuro di me stesso e sono abituato a prendermi responsabilità. Fidatevi di me, non dirò mai bugie perché credo che i tifosi non meritano di essere illusi”.