Real Pozzuoli. Tafuni arriva alla corte di D’Alicandro: “Sono pronto a rimettermi in gioco”

Il Real Pozzuoli va a grandi passi verso la nuova stagione e lo fa con un uomo in più su cui contare. Lo avevamo annunciato alcuni giorni fa, quando vi avevamo parlato di un gradito regalo già impacchettato per mister D’Alicandro, solo da scartare. Oggi lo potrà fare perch√© è ufficiale: Amedeo Tafuni è un nuovo calcettista del Real Pozzuoli. Merito dell’insistenza e della voglia del presidente Pastore di regalare un gran colpo alla piazza gialloblù, acquistando un calciatore di Serie A. Concludendo, in maniera positiva, una trattativa difficile che si è sbloccata grazie ai buonissimi rapporti con il direttore Salviati del Napoli calcioa 5. Tafuni, classe ’95, può fungere sia da centrale che laterale. Dotato di una buonissima tecnica individuale che gli consente di sfruttare molto l’uno contro uno ed andare al tiro. Una passione, quella per il pallone, che gli scorre nelle vene sin da piccolo. Poi il colpo di fulmine per il futsal quando diventa un po’ più grande. Un amore sbocciato quasi per gioco, come ha raccontato al sito ufficiale del suo nuovo club: “Avevo 17 anni circa quando un mio amico mi disse di andare a provare con una squadra di futsal. Io all’inizio lo presi per gioco e decisi di provarci. Dopo il primo allenamento volevano che firmassi per loro. Non sapevo ne chi erano e ne cosa era questo sport”. Quella squadra era il Napoli C5: “Al mio primo anno di allievi feci un bellissimo campionato dal punto di vista sportivo. Giocai poi molto bene con la juniores, con l’allenatore che mi volle fortemente. Mi allenai intensamente ed ebbi il piacere di partecipare alle final eight di Pescara (fasi finali della Coppa Italia di futsal). Nella prima gara rimasi in tribuna, nella seconda entrai dalla panchina e mi tolsi la grandissima soddisfazione di segnare in una competizione cos√¨ importante”. Cos√¨ giovane, ma con esperienza da vendere, con tante presenze accumulate nel massimo campionato di calcio a 5 italiano: “Ho sempre partecipato al massimo campionato nazionale e le squadre in cui ho militato sono sempre entrate tra le migliori 4 in Italia”. Poi il sogno che si realizza, con la convocazione nella nazionale italiana: “A 19 anni ebbi l’onore di indossare la maglia della nazionale. Questo è il momento più bello della mia vita sportiva, oltre allo scudetto vinto con il Montesilvano”. Ma la vita non è fatta solo di sogni. Purtroppo. La vita può essere molto dura e metterci dinanzi a scelte difficili. Come quella che ha dovuto compiere Amedeo, il quale ha dovuto anteporre il lavoro all’essere un calcettista professionista, dimostrando grande maturità: “Inutile dire che nel mondo del futsal non girano affatto i soldi che ci sono nel calcio a 11. Per questo ho dovuto scegliere il lavoro, a malincuore, abbandonando il club e rifiutando la seconda convocazione in nazionale”. Ora Amedeo è pronto nuovamente a rincorrere quel pallone, ripartendo dal Real Pozzuoli: “Sono arrivato al punto di giocare solo per divertirmi. Ora voglio rimettermi in discussione ripartendo da questa squadra. Voglia fare qualcosa di buono per questa squadra che ha fatto tanto bene in due anni. Qui c’è un progetto serissimo e molto interessante, con il presidente Pastore che ha saputo creare qualcosa di eccezionale. Con mister D’Alicandro c’è un bellissimo rapporto. E’ una grande persona ma soprattutto un grande allenatore”. Il messaggio per i nuovi tifosi è sintetico ma dice tanto: “Spero di fare bene e poter vincere con questa squadra. Voglio portare il Real a grandi livelli!”. Un nuovo capitolo nella storia d’amore tra Amedeo Tafuni e il futsal. Una storia che, come avete potuto leggere, si era interrotta bruscamente per la scelta lavorativa del nostro protagonista. Ma il vero amore per questo sport è in grado di superare tutto, al di là della categoria. Amedeo è pronto a scrivere un nuovo capitolo, con nuove bellissime pagine: la sua storia con il futsal continua.

Comunicato Stampa Real Pozzuoli

Condividi