Real Poggiomarino. D’Ambrosio a 360°: “Arriverà Napolitano, sogno di giocare all’Europa”

Anno nuovo, stagione nuova, ma anche nuovo allenatore per il Real Poggiomarino. Notizia ormai nota da diversi giorni, così come gli accordi chiusi con il direttore sportivo Francesco D’Ambrosio che, nel giro di poco più di una settimana ha difatti portato in biancoblù ben sette giocatori. Il diesse poggiomarinese, in un’intervista rilasciata ai colleghi di Metropolis, ha toccato i temi del calciomercato, ufficializzano anche un nuovo innesto, dello stadio Europa e anche del prossimo campionato di Eccellenza, con un pensiero sul cambio allenatore.

“Nel calcio i cicli hanno un inizio e una fine. Dopo un anno da calciatore e tre da allenatore, ringrazio Teta per quello che ha dato, ma ogni tanto bisogna cambiare aria e penso anche lui abbia preferito farlo”. – Diretto il diesse, che poi passa a parlare del nuovo tecnico Liguori – “Ho scelto una politica di prendere allenatori giovani, con voglia di fare e fame di campo. Alfonso è un lavoratore, che negli ultimi hanno ha espresso un ottimo calcio ed ha voglia di fare e di emergere”. – Rosa rivoluzionata, D’Ambrosio parte però da una conferma – “Abbiamo già annunciato sette calciatori e ne arriveranno altri. Riconferme? Al centro del nostro progetto c’è capitan Cangianiello, un pilastro della nostra squadra. Al momento non è nella nostra idea di confermare altri calciatori della scorsa stagione. Qualche contatto c’è stato, ma ci sono diversi punti interrogativi. La nostra politica è quella del rinnovo totale”. – Dal sette all’otto, svelato anche il nuovo colpo di mercato del Real Poggiomarino –Posso dire che arriverà Giuseppe Napolitano, un calciatore giovane con diverse presenze in D, un profilo di spessore che sicuramente ci darà una mano. Siamo alla ricerca dei profili giusti, è un mercato lungo, abbiamo tutto il tempo per riflettere, senza fare scelte avventate”.

Chiuso col mercato si passa a parlare della questione stadio Europa – Il nostro sogno è quello di giocare a casa nostra. Tutte le società sperano di giocare nel proprio stadio e davanti al proprio pubblico. Dopo due anni da ospiti a Sant’Antonio Abate è arrivato il momento di tornare a casa. Spero che, grazie anche alle elezioni, qui a Poggiomarino, ci sia l’aiuto della nuova amministrazione comunale. Non sarà il campo migliore, ma con i giusti ritocchi lo stadio Europa può diventare una bomboniera e un’arma in più per la nostra squadra”.

In chiusura si parla della nuova stagione con una previsione sui giorni del campionato di Eccellenza – “Sarà sicuramente un campionato particolare, questa nuova formula dei tre gironi spiazza un po’ le società. Credo che sarà avvincente e competitivo, ma ci saranno squadre che avranno delle difficoltà. Una formula strana, con 14 squadre, retrocessioni, play off, non c’è il famoso limbo della zona tranquilla della classifica. Tempo fa proposi di formare i gironi, sorteggiando le squadre, ma vedo che la formula è sempre la stessa. Facendo un discorso logistico, credo che il nostro collocamento debba essere quello del girone C salernitano. Siamo al confine con Scafati e Angri, già l’anno scorso non capisco come siamo stati spediti nel girone A, quindi io penso che dovremmo andare nel girone salernitano, anche se leggo che qualcuno in rete ci ha inserito nel girone B”.