Portici, Chianese e la linea verde: “Ieri fatto qualcosa di straordinario”

Dopo due sconfitte in campionato, il Portici torna in campo ieri per la sfida contro il Fiuggi (LEGGI QUI) vinta in rimonta con il risultato di 2-1, ma soprattutto in dieci uomini. Nel prossimo turno, la squadra di Mauro Chianese affronterà la vincente di Savoia-Fidelis Andria.

“Sono molto soddisfatto di quello che la mia squadra ha fatto ieri -commenta ai nostri microfoni il tecnico Mauro ChianeseAvevo in distinta 18 under e 2 classe ’94 Arario e Blasio. La squadra ha dato una dimostrazione di carattere, ha voluto che la partita finisse cos√¨, che il risultato fosse quello. Abbiamo sofferto, perchè loro giocavano sull’ampiezza, noi abbiamo cercato di chiudere gli spazi, soprattutto nel secondo tempo con l’inferiorità numerica. Abbiamo sofferto anche sui calci piazzati, perchè la squadra molto giovane, il fisico era a favore del Fiuggi, ma è stato molto bravo anche Torino a rispondere alle occasioni avversarie”.

Per quel che riguarda le sconfitte in campionato: “Io credo nel progetto Portici, la società crede in Chianese. Le mie squadre ad inizio soffrono un po’, ora sta girando un po’ cos√¨, ma ho una squadra giovane, molto giovane che proprio ieri ha dimostrato di aver carattere. Credo che sia una delle mie più grandi soddisfazioni. Chiunque avrebbe portato Albanese, Improta, Di Prisco, Onda. Io li ho lasciati a casa per farli respirare e permettere ai giovani di mettere minuti nelle gambe. Con l’andamento di queste ultime settimane -continua l’ex Aversa- Chiunque li avrebbe schierati per tentare di salvaguardare la panchina, ma la società sa che con me non esistono la carta d’identità, lo stipendio, ma il merito e lo stato di forma. I ragazzi mi hanno dato una risposta importante, è stata una bella partita fatta da una squadra gagliarda. Le espulsioni? Ingeneroso sottolinearlo, però, Boussada è stato espulso per un fallo da ultimo uomo, quindi ci può stare, mentre ieri Imbimbo è caduto nelle provocazioni. Queste situazioni li aiutano a crescere, essendo giovani può capitare che non abbiano la freddezza di ignorare”.

Dopo il girone H con l’Aversa e il girone I proprio nella scorsa annata con il Portici arriva l’occasione nel girone G: “Molti dicono che questo sia un girone facile, posso dire che non è assolutamente cos√¨. Le squadre sono molto tecniche, sono serene, non hanno la pressione e lo stress che a volte ci sono in momenti difficili con i tifosi. Giocano a calcio e hanno cultura calcistica, perchè sono calciatori che hanno militato o che provengono dai settori giovanili di Frosinone, Roma, Lazio. Si divertono e a queste condizione posso assicurare che sono il peggior avversario che possa capitare”.

Prossimo avversario, infine, il Muravera: “La scorsa giornata ha perso, ma due settimane fa ha vinto contro il Tor Sapienza, squadra con cui abbiamo perso in casa -spiega Chianese- Io credo che non esistano partite semplici, ognuna ha una storia a sè e bisogna prepararsi studiandole, studiando l’avversario, curando ogni particolare. In ogni caso la partita di ieri ha dimostrato che possiamo giocarcela con chiunque, basta scendere in campo con il giusto carattere”.

Condividi