Pomigliano-Torrecuso 0-1. Le pagelle dei granata

Arriva la seconda sconfitta (consecutiva) dell’anno per la banda-Seno. Gara spenta nel primo tempo e, per quanto propositiva nella ripresa, contrassegnata da un atteggiamento poco umile di De Rosa e compagni. Il pareggio, ai punti, sarebbe forse stato il risultato più giusto, ma un pò la fortuna, un pò la grande fase difensiva del Torrecuso, hanno dirottato la gara verso la vittoria degli ospiti. Ecco le pagelle dei granata:

Di Costanzo 6: Non è impegnatissimo, ma quando c’è da intervenire, il biondo portiere classe ’94 non è mai impreparato. Sul gol non può nulla.

F. Esposito 5: Spaesato e timido, non risponde presente alla chiamata in extremis (per infortunio a Festa) di Seno.
Schioppa 6: Gara attenta, come al solito, Di Costanzo corre pochi rischi nonostante la grande verve di La Cava perché ha davanti due grandi difensori come lui e Varriale.
Varriale 6: La lotta con La Cava è da ring di Wrestling, la precisione in fase d’impostazione, però, ne risente in lucidità. Gara comunque senza sbavature.
Candrina 6: Con Festa acciaccato, Seno lo schiera a sinistra. Cambiando l’ordine degli addendi, il risultato resta (quasi) immutato: perch√© i suoi cross, col mancino, risultano essere meno taglienti.
Parentato 6: Gara senza infamia n√© lode: non è di sicuro il buon incontrista da Ercolano quello che deve dare il tocco in più alla manovra granta. Dall’80’ Iattarelli sv
Oretti 6.5: Predica nel deserto. Certo che se avesse pescato anche il jolly (come ha più volte provato) l’avrebbero forse eletto sindaco.
De Rosa 6: Cuore e polmoni, ma dalla cintola in su il Pomi è poco concreto.
Panico 5.5: Dal “10” per antonomasia, ci si aspetta sempre qualcosa in più. Beh, nonostante dedizione e voglia anche nei ripiegamenti, quel qualcosa non è arrivato.
Suriano 5: La peggior gara da quando è in granata, arruffone e nervoso lascia il campo ad Esposito ad inizio ripresa. Per la serie: anche gli angeli mangiano i fagioli. Dal 52′ Esposito G. 5.5: Non incide come dovrebbe uno col suo palmar√©s.
Romano 5.5: Lotta e si sbraccia, sfiora la rete ma non la trova. Peccato.
All. Seno 6: Il suo Pomi non può permettersi il lusso di perdere un’occasione come quella odierna. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, come il buon Biagio ammette, ma la lezione può servire a ricordare ai suoi uomini che per salvarsi non basta aver scritto un record.
Mirko Panico