Pomigliano-Savoia 0-2. Le pagelle dei granata, cade nella ripresa la gabbia di Seno

Pomigliano fermo ancora a 0 punti, ma che riesce ad uscire a testa alta dal testacoda col Savoia Schiacciasassi di Feola. Dopo 45′ di perfetto equilibrio i granata si arrendono alle maggiori individualità degli oplontini che portano a casa (meritatamente) i 3 punti grazie a due spunti di Tiscione, che serve a Meloni e all’ex Del Sorbo due palle d’oro da spingere solo in rete. Ecco i giudizi sulla gara dei granata:

Di Costanzo 6: Si comporta egregiamente, evidenziando una sicurezza ed una concentrazione da veterano nonostante la giovane età. Si deve inchinare alle due prodezze di Tiscione.
Candrina 6: Gioca quasi ad uomo su Scarpa e riesce a limitarne l’inventiva. Nel primo tempo si affaccia (anche se raramente) anche nella metà campo avversaria, tentando un tiraccio da apprezzare solo per il coraggio.
Varriale 6: Finch√© c’è da mordere e lottare sulle palle alte, vince la personale sfida con Meloni, ma il bomber torrese riesce, nell’unica grande occasione concessagli da un’attenta retroguardia granata, ad insaccare da due passi. Se Tiscione è di un’altra categoria la colpa non è sua. Bellissima la punizione nel finale che, purtroppo, bacia l’incrocio dei pali e schizza sul corpo di Manco.
Schioppa 6: Stesso discorso fatto per Varriale, con meno responsabilità del compagno in fase di possesso.
Moscarino 6.5: Riesce a limitare il pericolo numero uno Tiscione, poi esce quando il Pomi vuole alzare il baricentro per la regola degli under e la musica sulla sua fascia cambia radicalmente. Dal 65′ Festa 5.5: Non può nulla, da solo, contro lo scatenato Tiscione che, nell’uno contro uno, lo salta sitematicamente (vedi 2-0).
Cerchia 5.5: Buono in copertura, nullo in impostazione. Stesso discorso, ormai quasi retorico: da lui ci si aspetta molto di più.
Panico 6: Reintegrato nel gruppo, Giulio Panico è tra i più vogliosi e, nonostante qualche errore di misura, riesce a creare dal suo lato di competenza i pericoli più ingenti alla retroguardia oplontina. Pregevole il cross per Romano al 61′, alto di pochissimi centimetri ed il pallone che De Micco non riesce a spizzare.
Parentato 6: Primo tempo perfetto, gioca a uomo su De Liguori e non lo fa muovere. Nella ripresa accusa la stanchezza e si spegne a poco a poco.
Caiazzo 6: Quando c’è da mordere Alessio Caiazzo risponde sempre presente, quando però si tratta di imbastire delle trame di gioco, ahinoi, il risultato non è lo stesso. Dal 65′ De Micco 5: Sbaglia un colpo di testa non da lui: poteva essere 1-1.
Manco 6.5: Clamoroso il gol sbagliato dal folletto granata, ma in quell’occasione il fattore sfortuna incide e come. Per il resto solita partita di qualità e quantità: è come sempre il migliore dei suoi.
Manfrellotti 6: Per 45′ corre dietro i portatori di palla e lotta come un mulo, costruendosi anche un’occasione da gol, poi, però, esce stremato per fare spazio a Romano. Dal 59′ Romano 6: Il più pericoloso una volta entrato, in netto miglioramento rispetto alle ultime uscite. Sfiora il gol in acrobazia.
All. Seno 6: I valori in campo sono a dir poco impari, ma l’acume tattico del tecnico granata riesce a diminuire l’entità di questo palese gap. Se poi contro c’è signor Tiscione, può fare ben poco. Si dice ancora ottimista: il suo Pomi, nonostante il risultato, sembra in crescita.
Condividi