Pomigliano Femminile-Juventus 0-5. Bianconere sul velluto, pantere KO al Gobbato

Non può nulla il Pomigliano Femminile contro la Juventus. Le pantere cadono tra le mura amiche dello stadio “Ugo Gobbato”, contro le campionesse d’Italia in carica, che firmano la dodicesima vittoria in dodici giornate di campionato di Serie A. Pomiglianesi leziose e poco incisive, mentre le bianconere più concrete e ciniche, che chiudono il primo tempo col doppio vantaggio. Nella ripresa altre due reti delle ragazze di Montemurro che legittimano la vittoria dilagando. Unica nota lieta, due rigori parati dalla Cetinja, anche se macchiati dall’errore che ha aperto la fiera del gol.

BIANCONERE SUL DOPPIO VANTAGGIO – Avvio di gara tutto di marca ospite, la Juventus prova a premere subito sull’acceleratore, mentre le pomiglianesi difendono con attenzione. Il risultato può cambiare dopo un quarto d’ora, quando la Capparelli commette un fallo in area di rigore delle pantere e il direttore di gara decreta la massima punizione. Dal dischetto si presenta Rosucci, ma la sua conclusione è centrale e priva di forza, facile preda della Cetinja, che blocca senza problemi. Il rigore parato da vigore al Pomigliano, ma è solo un fuoco di paglia. Le calciatrici bianconere continuano a macinare gioco e alla mezz’ora il risultato cambia. Un cross sbagliato dalla Juventus, si tramuta in gol a causa di un maldestro intervento della Cetinja, che difatti commette una clomorosa autorete. Provano a reagire le ragazze di Panico, ma le ospiti gestiscono il risultato e nel finale di tempo raddoppiano. Ancora la Cetinja protagonista con una respinta corta e centrale, sulla quale si avventa la Hurtig che spinge in rete. Termina così la prima frazione di gioco, con la Juventus avanti di due reti sulla pantere, apparse leziose e con poca fiducia nei propri mezzi.

Pomigliano Femminile v Juventus

Pomigliano Femminile v Juventus

POKERISSIMO JUVENTUS – Parte bene il Pomigliano nella ripresa, ma anche la Juventus non è da meno. Le pantere provano a rialzarsi, ma la Rosucci alla prima opportunità  firma il nuovo vantaggio per la Juventus. Piemontesi sul velluto firmano anche il poker. La Bonansea si mette in proprio, supera qualche avversaria e batte la Cetinja. C’è impegno da parte delle pomiglianesi, ma che possono ben poco contro la retroguardia bianconera. Solo qualche guizzo della Ippolito ben gestita dalle campionesse d’Italia che non rischiano mai. Prova a cambiare Panico, mandando in campo anche l’Apicella, ma proprio la neo entrata si fa espellere pochi minuti più tardi, per una trattenuta sulla Staskova che porta al secondo rigore. Con il direttore di gara in ovvio errore. Dal dischetto si presenta la neoentrata Zamanian, ma la Cetinja si oppone anche a questa massima punizione. Lasciano invariato il punteggio, che premia comunque la Juventus. Nel finale arriva la quinta rete del match, con capitan Gama che chiude i conti.

TABELLINO DI GARA
POMIGLIANO FEMMINILE – JUVENTUS FC 0-5

Pomigliano (4-4-1-1): Cetinja; Capparelli, Ejangue, Cox, Fusini (26′ Ippolito); Tudisco, Catarina (46′ Salvatori Rinaldi), Mastrantonio (72′ Puglisi), Vaitukaityte; Ferrario (89′ Varriale); Banusic (72′ Apicella). A disposizione: Buhigas, Landa, Massa, Schioppo. Allenatore: Domenico Panico

Juventus (4-3-3): Peyraud-Mangnin; Hyyrynen (65′ Lundorf), Lenzini, Gama, Boattin (65′ Nilden); Rosucci, Cernoia (65′ Grosso), Caruso (75′ Zamanian); Hurtig, Staskova, Bonansea (82′ Bonfantini). A disposizione: Aprile, Beccari, Panzeri, Sambrant, Allenatore: Joe Montemurro

marcatrici: 30′ aut. Cetinja (P), 42′ Hurtig (J), 54′ Rosucci (J), 60′ Bonansea (J), 91’ Gama (J)

ammonite: Capparelli (P), Ejangue (P)
espulse: Apicella (P)
recuperi: 3’pt, 2’st

direttore di gara: il signor Enrico Maggio della sezione di Lodi
assistenti: i signori Ivan Catallo della sezione di Frosinone e Amir Salama della sezione di Ostia Lido
IV ufficiale: il signor Dario Di Francesco della sezione di Ostia Lido

note: Cetinja (P) para due rigori