Pomigliano Femminile. Caterina La Manna: “Un anno da portare nel cuore per sempre”

POMIGLIANO. Intervista della settimana con Caterina La Manna, giovane difensore delle pantere, classe 2002, che in questa stagione con il Pomigliano è cresciuta tanto in un contesto di rilievo che le ha dato la possibilità di formarsi a 360° dentro e fuori dal campo.

“Abbiamo dimostrato di essere una squadra forte in ogni settore e abbiamo scritto una pagina del calcio femminile italiano – così La Manna Tutte noi abbiamo lavorato duramente, senza tirarci mai indietro e questo ha dato i suoi frutti. Purtroppo, gli eventi di quest’anno ci hanno impedito di concludere il campionato, ma questo non cancella tutto il lavoro fatto. Abbiamo dato spettacolo sotto ogni punto di vista e sono sicura che avremmo continuato così”.

Una formazione importante per una giovane calciatrice da portare nel cuore:Questa stagione mi ha da tanto. Confrontarmi con ragazze più grandi è stato impegnativo ma necessario per la mia crescita. Ogni mia compagna di squadra mi ha trasmesso tanto non solo dal punto di vista calcistico, ma anche umano. Ho avuto la possibilità a soli 17 anni, di far parte di un gruppo che lottava per la vittoria del campionato e di essere allenata da uno staff eccezionale. Porterò con me sempre ogni consiglio che mi è stato dato nel corso di quest’anno spettacolare”.

Dove La Manna si vede tra cinque anni? “Sono ancora molto giovane, tra cinque anni mi auguro di poter giocare e studiare contemporaneamente. Il massimo per me sarebbe continuare ad indossare la casacca granata. Il Pomigliano per me rappresenta un contesto bello, strutturato ed interessante, una società seria come poche”.

Il ricordo più bello di questa stagione spumeggiante con un primato solido in classifica a +12 sulla seconda della classe il Palermo: “Quest’anno è stato ricco di bei momenti da ricordare, ma uno in particolare è di sicuro la conquista della vittoria contro il Lecce in trasferta nel girone di ritorno.  É stata una partita combattuta fino all’ultimo minuto, abbiamo dimostrato tutta la nostra forza e tutto il nostro cuore. La felicità al fischio finale è stata immensa. Tengo a salutare il presidente Pipola, la società, lo staff tecnico e tutte le mie compagne. Forza Pantere!”.

 

Condividi