Pol. Sarnese. Maggio nella ripresa stende il Calpazio

POL.SARNESE 1

CALPAZIO 0

 

POL.SARNESE: Napolitano, Pallonetto, Testa, Fontanarosa (42’st Amoruso), De Cesare, Nasto, Adiletta (28’st Ferrara), Di Capua, Maggio, Savarese, Ianniello. A disposizione: Castagna, Robustelli, Falanga, Ronni, Squitieri. Allenatore: Vitter

CALPAZIO: Calamusa, Discepolo, Montera, Bencardino, Di Poto, Maresca (7’st Vinova), Forlano (34’st D’Angelo), D’Andria, Di Marco (3’st Minella), Ariete, Frunzo. A disposizione: Bufano, Vertullo, Fraiese, Pecora. Allenatore: Adinolfi

ARBITRO: De Vito di Napoli

ASSISITENTI: Battista – Palomba di Torre del Greco

RETE: 6’st Maggio (PS)

NOTE: Spettatori 300 circa. Ammoniti Di Marco, Bencardino, Di Poto (C); Di Capua (PS)

 

SARNO. Maggio di fuoco. Non stiamo parlando delle bizze climatiche di questo periodo, ma del gol firmato dall’ariete di Sant’Antimo che ha permesso alla Polisportiva Sarnese di superare di misura la Calpazio.

Pomeriggio caldo in tutti i sensi allo Squitieri. La Polisportiva, vista la vittoria fuori casa dell’Angri nell’anticipo, è costretta a vincere per non rimanere indietro e mantenere il gap con la Virtus Scafatese, impegnata fuori col Faiano. I granata, quest’oggi in campo con un’inedita maglia azzurra, devono fare a meno di Esposito, squalificato. Al suo posto si sacrifica Fontanarosa in difesa, coadiuvato nei momenti di criticità da Nasto. Riconfermata per il resto la formazione di Angri.

La gara stenta a decollare nei primi venti minuti. Poi arriva il primo sussulto per i tifosi: Ianniello appoggia per Fabio Testa sulla sinistra, il laterale mette al centro e Maggio prova il tiro a volo, palla alta. Al 23′ ghiotta chance ancora per Maggio, il quale servito da Savarese, si vede deviare la palla da Calamusa. Al 27′ schema perfetto su punizione di Maggio, palla per Pallonetto che entra in area e scarica, il portiere devia sui piedi di Nasto, il quale a tu per tu col portiere sbaglia la mira e mette a lato.

 

Nella ripresa passano appena cinque minuti e i granata, quasi riprendendo il filo della prima frazione, continuano a creare palle gol. La prima occasione è anche quella buona per il vantaggio: Di Capua dal centrocampo serve alla perfezione Maggio, che colpisce di testa dall’altezza del dischetto e supera Calamusa per l’1 a 0. Al 17′ punizione dalla distanza di Adiletta che fa tremare gli ospiti, la palla termina di poco a lato. Al 19′ primo intervento per Napolitano, che salva in grande stile su colpo di testa di Minella da pochi passi. La gara comincia a calare vistosamente di ritmo e l’unico brivido lo regala al 41′ D’Andria, il cui diagonale in area di rigore, viene deviato da Di Capua in calcio d’angolo. Dopo cinque minuti di recupero De Vito di Napoli fischia la fine delle danze, con Maggio che ha sicuramente brillato più di tutti ed ha regalato una vittoria preziosa ai suoi, sia per il morale che per la classifica.

Condividi