Plajanum Chiaiano. I neroverdi giocano a tennis, annichilita la capolista con una sestina

Il Plajanum Chiaiano stravince, umilia la capolista Lokomotiv Flegrea 6-0 e manda un segnale forte e chiaro al campionato. Una vittoria larghissima che consente agli uomini del presidente Francesco Iorio di archiviare in fretta la cocente sconfitta della “Paratina” con il Pianura Calcio 1977 e di avvicinarsi a meno sei proprio dalla Lokomotiv Flegrea prima in classifica. Un successo importantissimo per blindare un posto nella zona play-off e sognare in grande, in attesa dell’ennesimo scontro diretto di sabato prossimo a Chiaiano contro il Lacco Ameno, un avversario storicamente ostico.

Nino Manco e Dario Chianese

 

Allo stadio “Green Sport” (ex Scarfoglio) di Pozzuoli si è a dir poco scatenata l’apoteosi neroverde: il bomber Gaetano Pignalosa apre le danze, poi arriva la doppietta per Nino Manco e Dario Chianese. L’ultimo sigillo è del subentrato Paolo Sansò che timbra il cartellino con un perfetto calcio di rigore. Plajanum devastante dal primo all’ultimo secondo, feroce nel pressing, efficace nel giro palla, una prestazione sontuosa da parte di tutti i neroverdi che annichilisce una Lokomotiv Flegrea davvero irriconoscibile. Tre gol nel primo tempo, altri tre nella ripresa: un vero e proprio trionfo.

 

INTERVISTE POST-PARTITA

Il tecnico neroverde Mario Caiazzo: “Sapevamo di dover andare l√¨ e dimostrare tanto, e lo abbiamo fatto. Dopo una sconfitta immeritata contro il Pianura, abbiamo reagito bene e ci è riuscito tutto alla grande. Paradossalmente abbiamo fatto la prima partita “di categoria”, ovvero eravamo concentrati, dietro la linea della palla e subito pronti al recupero del pallone. Era questa la voglia che volevo vedere dai ragazzi, complimenti a loro perch√© mi hanno dimostrato di essere un gruppo forte e unito. Questa vittoria fa aumentare ancora di più il rammarico per i punti persi per strada, però il campionato è lungo e ora pensiamo al Lacco Ameno che è un’ottima squadra. Dobbiamo continuiamo con questa grinta”.

Il vice-allenatore neroverde Massimo Marzocchi: “Commentare una partita del genere sembra quasi scontato visto che parliamo di una vittoria schiacciante. Anche se chi vive il nostro progetto sa bene che abbiamo avuto alcune difficoltà: sabato con il Pianura abbiamo perso all’ultimo secondo, dopo che abbiamo rimontato il risultato in dieci uomini e giocato un’intera partita in inferiorità numerica. Quella sconfitta poteva essere una vera e propria batosta per noi, invece i ragazzi sono stati grandiosi e hanno reagito alla grande disputando una partita perfetta sotto tutti i punti di vista. Siamo stati cinici e concreti, due fattori che sono purtroppo mancati nelle scorse gare. C’è poco da festeggiare perch√© non abbiamo fatto nulla. La vittoria in casa della Lokomotiv Flegrea spero vivamente che sia la svolta al nostro campionato e che ci dia una spinta a fare sempre meglio. Faccio i complimenti alla squadra che, tra le mille difficoltà lavorative, riesce a dare sempre il massimo ed è sempre pronta a dare battaglia in campo e che, seppur qualche risultato negativo, non si è mai abbattuta e demoralizzata”.