Nocerina. Ruggiero al 93′ regala un punto insperato ai rossoneri, col Castrovillari è 1-1

La terza perla di Ruggiero su calcio da fermo in campionato da alla Nocerina un punto che sembrava perso contro il Castrovillari, tenace e bravo a concretizzare una delle due uniche palle gol della sua partita.

Il tecnico dei rossoneri Gerardo Viscido è costretto a rinunciare ad Ivano Feola vittima di un virus intestinle che lo ha messo ko e schiera Novelli in porta, difesa titolare con Salto, Vuolo e Caso, a centrocampo capitan Pecora in regia, Ruggiero e Iodice mezzali, Odierna a destra e Festa a sinistra. In attacco ancora Amendola al fianco al capocannoniere rossonero Felice Simonetti. La partita iniza con 10′ di ritardo per un buco nella rete della porta sotto il settore ospiti.
Al 2′ di gioco si rende per prima pericolosa la Nocerina con Odierna che conclude bene da fuori di destro, l’ex portiere della Nocerina Caparro para in tre tempi la conclusione angolata ma debole del numero 7 rossonero.
Al 10′ è Luciano Amendola a provare la via del gol accentrandosi in area dalla destra, la conclusione sul secondo palo dell’under rossonero rimbalza a fil di palo e termina sul fondo, due minuti più tardi Simone Festa recupera un buon pallone sulla linea sinistra dell’area di rigore, si incunea e conclude a rete ma il tiro debole viene facilmente bloccato da Caparro. Dopo 10 minuti di uno sterile forcing degli ospiti però è di nuovo la Nocerina a rendersi pericolosa su calcio da fermo con Ruggiero che inventa dal vertice sinistro dell’area di rigore per Salto, il difensore argentino insacca in rete ma l’assistente di linea annulla prontamente il gol per posizione di offside del numero 3 rossonero.
A sorpresa al 30′ passa il Castrovillari: Pandolfi approfitta di un retropassaggio sbagliato di Vuolo e di una lettura sbagliata della difesa rossonera e si lancia in contropiede, Novelli tenta l’uscita sulla lunetta del calcio di rigore ma viene superato in lob dal numero 7 ospite a cui non resta che depositare la sfera facile facile in rete a due passi dalla linea di porta. Dopo il gol del Castrovillari la partita cala di ritmo e si porta lentamente al termine del primo tempo, dopo il minuto di recupero concesso dal sig. Mastrodomenico di Policoro con la Nocerina sotto di misura contro i rossoneri ospiti.
Alla ripresa Viscido opta per un cambio a inizio secondo tempo sostituendo il mediocre Amendola con Antonio Cardone. La partita nella seconda frazione complice qualche parola di troppo tra gli attori in campo sale di tono agonistico, con Pecora che viene ammonito al 4′ dopo un battibecco con l’ex portiere della Nocerina Caparro: il capitano rossonero in diffida, salterà la trasferta di domenica prossima a Palmi. La prima azione da segnalare arriva al 9′ col Castrovillari che con un contropiede micidiale prova ad archiviare la pratica ancora con Pandolfi, il classe ’98 però stavolta manca il bersaglio grande su assist dalla destra sparando altissimo oltre la traversa; passano due minuti ed è la Nocerina a sfiorare il gol del pari con Simonetti che si coordina appena dentro l’area e colpisce a botta sicura in rovesciata, è solo la trasversale a dire no al bomber Nolano a Caparro battuto. Al 37′ il Castrovillari resta in 10, Miocchi va sotto la doccia in anticipo per somma di ammonizioni, e rischia di finire in 9 con Grimaldi graziato dall’arbitro per fallo su Simonetti lanciato in contropiede al 40′: sulla punizione che ne consegue Ruggiero prova a sorprendere Capaccio costretto con un colpo di reni a mettere la sfera in angolo. Al 93′ esplode il San Francesco: Giuseppe Ruggiero dai 30 metri insacca nel sette una punizione precisissima e chirurgica facendo saltare i 700 del San Francesco in estasi per un punto arrivato in extremis che porta la Nocerina al -11 virtuale dalla salvezza che sembra alla porta dei rossoneri ma che dovranno sudare per conquistarla in un campionato che si rivela ancora una volta molto insidioso