Nocerina. Manita al Salernum Baronissi mentre si sistema il San Francesco, aspettando innesti dal calciomercato

Una volta si chiamavano “amichevoli d’estate”, adesso sono diventati allenamenti congiunti: oggi pomeriggio i molossi hanno sfidato il Baronissi al Figliolia vincendo con un netto 0-5 per effetto della doppietta di Adama Diakitè nel primo tempo, e le reti nella ripresa di Pisani, Manoni ed Improta su rigore così come in occasione della rete in apertura dell’attaccante ivoriano.
Nel frattempo in mattinata sono iniziati i lavori di pulizia al San Francesco, infestato da erbacce che invadevano i settori e gli spazi d’ingresso a spogliatoi e tribune in vista dell’inizio della stagione ufficiale, previsto per il 20 Settembre col turno preliminare di Coppa Italia Dilettanti e con la speranza soprattutto che la Nocerina possa allenarsi almeno due giorni a settimana sul suo terreno di gioco, evitando la clausura dello Squitieri di Sarno come fu la passsata stagione.
Rientrato a Nocera dopo il lutto che ha colpito la sua famiglia, il diesse rossonero Riccardo Bolzan sta lavorando per concludere almeno due operazioni in entrata, sicuramente una prima punta di spessore su cui però c’è il massimo riserbo ed un centrocampista d’esperienza da affiancare a Bottalico, già in buona forma in questa fase di preparazione: Mezavilla è un obiettivo non nascosto dal suo procuratore già nei giorni scorsi alla nostra redazione. L’interesse è forte e Buongiorno lo ha precisato chiaro e tondo, ma la trattativa al momento non esiste, alla luce soprattutto del fatto che nonostante la non più tenerissima età Mezavilla dovrebbe “scendere” di due categorie e che negli ultimi 9 anni ha disputato 4 campionati di serie B; basterà il vecchio blasone a far svoltare il calciomercato in casa Nocerina? L’appeal non è sicuramente quello di una volta ma con un progetto serio e a lungo termine si potrebbero raggiungere traguardi importanti.

Condividi