Napoli-Udinese 1-1. Ancelotti: “Preso un gol ridicolo. Lasciare la panchina? Non ci ho mai pensato”

Nel post gara le parole del tecnico Carlo Ancelotti, parla del pareggio ottenuto dal suo Napoli contro l’Udinese.

“Il secondo tempo c’è stata una reazione, ma se quello può significare un segnale positivo, lo è perchè la partita si era messa male. Cerco di essere ottimista, la squadra ha voglia e carattere per voler uscire da questo momento negativo. Deve scoccare la scintilla per svoltare è un momento complicato, ora abbiamo una grandissima opportunità marted√¨, se passiamo il turno di Champions League può essere la giusta scintilla. Nel primo tempo siamo stati apatici, nella ripresa abbiamo spinto di più. Nel calcio si sa, quando si fa bene è merito dei calciatori, quando si va male è colpa degli allenatori, questa squadra ha bisogno di fare risultati. Dobbiamo utilizzare la faccia della Champions, che non è quella del campionato” – Il tecnico di Reggiolo incalzato continua – “Nella ripresa eravamo più sciolti, abbiamo spinto di più, dobbiamo fare cos√¨. Abbiamo preso un gol ridicolo. Polveriera? Tutto falso, come le cose che leggo sui metodi di allenamento, sulla preparazione della squadra e quant’altro. Sostituzione ad Insigne? Non aveva fatto bene nel primo tempo e per questo è stato cambiato, ho voluto mettere una punta alta forzano con Lozano sulla sinistra. Insigne si sente più responsabilizzato visto che è il capitano. Voci su Gattuso? Fa parte del gioco, Rino è un fratello. Credo quello che dice il presidente, che ha fiducia in me. Non ho mai pensato di lasciare, mi sento più coinvolto ora, più male sono andate le cose, più bene andranno”.