Napoli-Sassuolo 2-0. Milik-Ruiz e gli emiliani vanno KO, ora il Milan ai quarti di TIM Cup

Un Napoli lucido ed intelligente batte il Sassuolo negli ottavi di finale di Coppa Italia, guadagnandosi l’accesso ai quarti dove incontrerà il Milan. Un gol per tempo, gara sempre sotto controllo, decisiva anche una decisione del Var che annulla, giustamente, il pari di Locatelli.

Assenti per problemi fisici Mertens, Hamsik, Chiriches, Zielinsky e Albiol, squalificato Verdi, mister Ancelotti sceglie Ospina tra i pali, Koulibaly e Maksimovic centrali, Rui e Hysaj terzini, in mediana Ruiz e Diawara, esterni Insigne e Callejon, in avanti Ounas e Milik.

Ritmi blandi nei primi minuti, il primo pericolo lo corre il Napoli, errore di Hysaj, Berardi tira debole e Ospina para facile. Il Napoli aumenta l’intensità e dopo un’occasione capitata a Callejon, passa al quarto d’ora con Milik, il polacco con un pizzico di fortuna, conclude un pregevole scambio sull’asse sinistro tra Ounas ed Insigne.

Il vantaggio non muta l’inerzia del match, azzurri proiettati nella metacampo emiliana, alla mezz’ora ci prova Insigne, la conclusionex da fuori area si spegne a lato. Al 35’minuto il tiro di Locatelli è respinto da Ospina, dopo l’ennesima leggerezza di Hysaj, il pallone torna al centrocampista che batte sotto-misura Ospina, dopo una consultazione al Var, la rete viene annullata per un evidente tocco con il braccio dello stesso ex giocatore del Milan, al momento del primo controllo. Si resta con il Napoli avanti di una rete, ma è la compagine di De Zerbi ad alzare il baricentro nel finale di frazione, che si chiude con il Napoli in vantaggio.

Ripresa di controllo per gli azzurri che gestiscono senza particolari patemi le sortite offensive dei neroverdi. Ancelotti gioca la carta Allan, fuori Ounas, accanto a Milik va Insigne, a sinistra Ruiz, proprio lo spagnolo al 74’minuto con una potente rasoiata di sinistro capitalizza l’assist del centravanti polacco, regalando il raddoppio ai suoi.

Minuti per Younes ed esordio in maglia azzurra per il giovane Gaetano, ma è Ospina a meritare gli applausi, salvando su Locatelli al minuto 88, evitando un finale di sofferenza. √à l’ultima emozione, il Napoli liquida la pratica Sassuolo e può ora concentrarsi sugli impegni in campionato.

SSC NAPOLI 1926 – US SASSUOLO CALCIO: 2-0 (1-0 pt)

Napoli (4-4-2): Ospina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon (82′ Younes), Fabian Ruiz, Diawara, Ounas (71′ Allan); Milik (90′ Gaetano), Insigne. A disposizione: Karnezis, Meret, Ghoulam, Luperto, Maluit, Rog, Zielinski. Allenatore: Carlo Ancelotti

Sassuolo (4-3-3): Pegolo; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio (82′ Dell’Orco); Sensi, Locatelli, Duncan; Berardi, Boateng (70′ Boga), Djuricic (69′ Babacar). A disposizione: Consigli, Bourabia, Brignola, Magnanelli, Matri, Satalino, Trotta. Allenatore: Roberto De Zerbi

direttore di gara: il signor Chiffi
assistenti: i singori Bottegoni e Grossi
IV uomo: il signor Marini
VAR-AVAR: i signori Ghersini e Longo

reti: 15′ Milik (N), 74′ Fabian Ruiz (N)
ammoniti: Maksimovic (N), Berardi (S), Magnani (S), Locatelli (S), Peluso (S), Ounas (N), Mario Rui (N)
espulsi:
angoli: 5-2
recupero: 3’pt, 5’st
note: circa 30.000 spettatori presenti allo stadio

Dal nostro inviato allo stadio “San Paolo” di Napoli, Pasquale Lucchese

 

Condividi