Napoli-Sampdoria 1-0. Basta Petagna, azzurri ritrovano la vittoria al Maradona

Il Napoli torna allo stadio Diego Armando Maradona e ritrova la vittoria dopo tre KO consecutivi tra le mura amiche. Nella seconda giornata di ritorno del campionato di Serie A, gli azzurri hanno avuto la meglio sulla Sampdoria, arrivata in terra partenopea in cerca di punti utili per la salvezza. Una gara costantemente in bilico e decisa da una rete in acrobazia da parte di Petagna. Una firma che basta alla squadra di Spalletti per tornare a conquistare tre punti, dando seguito a quanto fatto di buono contro la Juventus pochi giorni prima.

PETAGNA AL TRAMONTO DEL PRIMO TEMPO – Tante assenze per Spalletti che, dopo aver perso per causa covid anche Zielinski, ritrova un Politano non al meglio. Nell’undici titolare entrano, quindi, Elmas e Petagna. Diverse indisponibilità anche per D’Aversa, che oltre a Candreva deve rinunciare a 3/4 di difesa. Fin dalla prime battute iniziali è il Napoli a fare le gara. Gli azzurri gestiscono agevolmente il possesso palla, in attesa di trovare gli spazi giusti in cui affondare il colpo. La Sampdoria si compatta nella propria metà campo, chiudendo ogni linea di passaggio. Non è una partita proprio bella da vedere, infatti, dopo un quarto d’ora di gioco non arriva nemmeno un tiro nello specchio della porta, con i due portieri che fanno da spettatori non paganti della sfida. Poco prima della mezz’ora il Napoli rischia di perde il proprio capitano. Problemi all’aduttore per Insigne che prova a restare comunque in campo. Intanto Rrahmani riesce a far sporcare i guanti ad Audero, ma si arriva alla mezz’ora di gioco con il risultato bloccato sul pareggio e con Insigne che è costretto ad alzare bandiera bianca, al suo posto Politano. Il copione della gara non cambia: gli azzurri attaccano, i liguri si difendono. L’insistenza dei partenopei viene premiata quando Juan Jesus, su azione di palla inattiva, manda in rete un assist di Politano. Una rete che viene annullata da Di Bello, dopo un lungo check del VAR, per posizione irregolare del brasiliano. Nei minuti finali del primo tempo, una corta respinta di Ferrari favorisce Petagna, che in acrobazia supera Audero e sblocca il risultato. Termina così la prima frazione di gioco, con il Napoli che va a riposo in vantaggio di una rete sulla Sampdoria.

Stadio Diego Armando Maradona - Napoli

Stadio Diego Armando Maradona – Napoli

RIPRESA DI GESTIONE – Al ritorno dagli spogliatoi, D’Aversa è costretto a mandare in campo Falcone al posto di Audero, per infortunio di quest’utlimo. Inoltre entra anche Rincon per Ekdal non proprio in buone condizioni. Dopo un buon inizio del Napoli, sono i doriani a salire in cattedra nella ripresa, alzando il baricentro e cambiando atteggiamento alla ricerca del pareggio. Una scelta che lascia maggiori spazi, dove gli azzurri provano ad infilarsi grazie alle ripartenze, proprio su una di queste Mertens si divora la rete del raddoppio. Dopo un’ora di gioco sono ancora i partenopei a condurre, seppur sul minimo vantaggio. La squadra di Spalletti gestisce il possesso e si riprende il predominio territoriale, ma la rete della sicurezza sembra non voler arrivare. I blucerchiati di certo non mollano, provando a far male sfruttando le ripartenze. Gli uomini di D’Aversa inseguono il pareggio e il tecnico manda nella mischia anche Caputo, al posto di Ciervo. Una gara che perde d’intensità nell’ultimo quarto d’oro, con i ritmi che non sono dei migliori, visti anche gli impegni ravvicinati di inizio anno. Una sfida che resta aperta, prova quindi a chiuderla Petagna quando mancano dieci minuti dalla fine, ma Falcone si oppone alla conclusione dell’attaccante azzurro. Tra le fila del Napoli fa anche il suo esordio Tuanzebe e si registra il ritorno in campo di Fabian Ruiz. Una costante proiezione offensiva da parte dei partenopei nel finale di gara. Una Sampdoria che risponde colpo su colpo, senza mai trovare l’ultimo passaggio. Il match dello stadio Maradona termina così, con il Napoli che ritrova la vittoria davanti al proprio pubblico, dopo tre sconfitte interne, nella prima gara casalinga del 2022. Tre punti che permettono di portare al fieno nella cascina di Spalletti, che spera di preparare un raccolto da Champions League a fine stagione.

TABELLINO DI GARA
SSC NAPOLI – UC SAMPDORIA 1-0

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Ghoulam (80′ Tuanzebe); Demme (80′ Fabian), Lobotka; Elmas, Mertens, Insigne (30′ Politano); Petagna. A disposizione: Marfella, Idasiak, Zanoli, Costanzo, Vergara, Cioffi. Allenatore: Luciano Spalletti

Sampdoria (4-4-2): Audero (46′ Falcone); Dragusin, Ferrari (89′ Yepes), Chabot, Augello (75′ Murru); Ciervo (72′ Caputo), Ekdal (46′ Rincon), Askildsen, Thorsby; Quagliarella, Gabbiadini. A disposizione: Ravaglia, Torregrossa, Vieira, Trimboli. Allenatore: Roberto D’Aversa

marcatori: 42′ Petagna (N)

ammoniti: Chabot (S), Murru (S)
espulsi: //
angoli: 13-0
recuperi: 3’pt, 3’st

direttore di gara: il signor Marco Di Bello della sezione di Brindisi
assistenti:  i signori Marco Scatragli della sezione di Arezzo e Damiano Margani della sezione di Latina
IV uomo: il signor Francesco Cosso della sezione di Reggio Calabria
VAR e AVAR: i signori Rosario Abisso della sezione di Palermo e Alberto Tegoni della sezione di Milano

ph credit: IlMattino.it