Napoli. Mercato secondo lo Juventus-Style

Il mercato del Napoli è, come di consueto per la squadra partenopea, in fase di decollo. Dopo l’arrivo di Lorenzo Tonelli, Cristiano Giuntoli sta sondando il terreno per vari giocatori, la cui fasci di età e notorietà cambia.

I nomi più caldi sono quelli di Fabinho, difensore del Monaco, Leandrinho, attaccante del Ponte Preta e Hector Herrera, ma anche i soliti Vrsaljko, Zelinski obbiettivi di mercato già nelle scorse stagioni. Negli ultimi giorni a questi nomi si sono aggiunti quelli di Gianluca Lapadula e di Gaetano Letizia. Per l’attaccante del Pescara, il Napoli aveva sondato il terreno già nei mesi scorsi, ma in pole sembrava esserci la Juventus. Ora sembra che sia proprio il club azzurro ad avere una via preferenziale per l’ingaggio dell’italo-peruviano.

Nelle ultime ore, sembrano aggiungersi altri nomi alla lista della spesa azzurra. Infatti in mattinata, secondo quanto riportano i colleghi di TuttoNapoli, il diesse ex Carpi avrebbe incontrato l’agente di un giovane talento made in Italy. Si tratta di Leonardo Morosino del Brescia. Il centrocampista si era già messo in mostra nella scorsa estate con la vittoria delle Universiadi vestendo la maglia della B-Italia, ma nel corso della stagione ha incrementato le attenzioni rivolte su di lui. Sembrerebbe, quindi, che il Napoli sia interessato all’acquisizione del cartellino, ma prima di portarlo all’ombra del Vesuvio sorto le ali di Mister Sarri, la società azzurra opterebbe per un altro anno in Cadetteria.

La spesa in categorie inferiori e preferibilmente italiana risuona familiare. Nel corso degli anni il calcio italiano, e il Napoli con esso, ha visto perdere pericolosamente la presenza di italiani nelle proprie rose. Spesso è stata fatta emergere la differenza di costi tra Italia ed estero e questo non può che essere un incentivo per le società ad andare magari oltreoceano a pescare nuovi talenti.

Il processo di internazionalizzazione tentata da Rafa Bentez con il bene placido di De Laurentiis ha fatto diminuire anche in casa azzurra la presenza di italiani. La nuova regolare, introdotta alla Lega Calcio, cerca di limitare la presenza di stranieri, ma anche i vivai delle società italiane sono piene di giovani calciatori provenienti da fuori Italia.

L’avvento di Sarri sulla panchina azzurra ha dato il via ad una logica progettuale: il tecnico toscano infatti predilige in rosa giocatori che abbiano già esperienza con il calcio italiano. Gli ultimi mercati, quello estivo e quello invernale, lo hanno dimostrato.

Anche in questo mercato, sembrerebbe, che la priorità del Napoli sia quella di portare in azzurro giocatori giovani, che sappiano adeguarsi agli schemi di gioco di Mister Sarri. Il sogno di Aurelio De Lauretiis, cioè quello di circondarsi di giovani calciatori che possano sposare un progetto a lungo termine, piuttosto che comprare top player affamati di soldi.

Questo tipo di mercato ricorda molto quello messo in atto negli ultimi anni dalla Juventus. Ne sono un esempio l’arrivo di Rugani, Zaza, ma anche l’acquisto di Berardi o Mandragora del Pescara. L’elenco non termina qui, infatti, i bianconeri si sono aggiudicati in tempi non sospetti le prestazioni di tanti giovani talenti che comunque sono rimasti a crescere in altre società. Altro esempio è il giovane Mattia Vitale, obiettivo di mercato dell’Avellino.

Cristina Mariano