Napoli. La frenetica vita del guanciale di Don Rafè: il probabile undici anti-viola

Manco il tempo di esultare per la vittoria di rigore col Toro, che già c’è da ricalarsi nel dispendioso tour de force. Domani sera c’è la Viola, nella bolgia del Franchi, domenica il Catania incerottato di Legrottaglie ed Almiron e mercoled√¨ prossimo il San Paolo accoglierà l’OM per una gara Champions da vincere assolutamente per tenere alte le velleità di passaggio del turno. Napoli fino all’ultima goccia di energia psico-fisica. Ma andiamo per gradi.

Le scelte di Firenze – Lavoro più duro del solito per il cuscino di Rafa Benitez, che dovrà tener conto di impegni passati, presenti e futuri incredibilmente ravvicinati, conseguente dispendio energetico, acciacchi vari e bonarietà tecnica. E c’è chi ancora lo accusa di passare tutto il giorno (e la notte) comodamente a letto! Vita ingrata. L’unico certo del posto sembra essere Pepe Reina, per il resto, qualche dubbio qua e là non lo leva nessuno. Difesa a quattro, altro dogma, ma chi gioca? Possibile un turno di riposo per Maggio, ma non è detta l’ultima, sulle fasce dovrebbero stanziare Mesto a destra ed Armero sulla mancina. Coppia centrale composta da Albiol e Fernandez, ma occhio allo scalpitante capitan Cannavaro, rientrato dalla squalifica e voglioso di dimostrare il suo valore dopo un periodo, l’ultimo, più nero che azzurro. A centrocampo Dzemaili e Behrami: domani toccherà ad Inler prendere un pò di fiato. I tre fantasisti saranno Callejon, sicuro di un posto, Hamsik ed uno tra Insigne e Mertens, col primo favorito ma col secondo difficile da tenere a bada in panca, dato il periodo straripante di forma ed estro. Davanti il solito Pipita, ma se la gara dovesse mettersi sui binari giusti Pandev e Duvan Zapata potrebbero concedergli qualche minuto di relax nella ripresa.

Le prospettive – La gara più incline al turnover sarà di sicuro quella di domenica prossima, dove molti dei titolari dovrebbero lasciar spazio a chi ha, ad oggi un minutaggio minore. Quattro gare in dieci giorni: quant’è difficile tenere il passo di quella Roma tutta concentrata sul campionato e, contemporaneamente, non perdere la scia di Dortmund ed Arsenal nella competizione più bella ed affascinante d’Europa (e forse dell’intero mondo). Avanti, Napoli! A gioved√¨ prossimo per valutare l’operato… del cuscino di Benitez!