Napoli C5: il comunicato del mancato rinnovo con Tarantino

I risultati raccolti in questi anni parlano da soli e sono sotto gli occhi di tutti, Carmine Tarantino ormai è riconosciuto da gran parte degli addetti ai lavori tra i tecnici emergenti del calcio a 5 italiano. Prima i meravigliosi successi centrati a ripetizione con le varie formazioni del settore giovanile partenopeo, con titoli regionali e nazionali conquistati nelle categorie allievi e juniores, passi importanti che lo hanno portato alla ribalta del futsal nazionale e che gli hanno consentito di affacciarsi anche al mondo della prima squadra. Da qui dunque la possibilità di assumere la guida tecnica del Napoli in corso d’opera nel campionato di serie A2 nella stagione 2011-2012 e la straordinaria risalita in classifica fino alla conquista dei play off, con la promozione sfiorata di un niente. Poi il ripescaggio e subito la grande chance, quella di poter allenare il team azzurro nel massimo campionato: un’avventura straordinaria, vissuta tra momenti di grande esaltazione e qualche intoppo inaspettato, conclusasi poi con i festeggiamenti per la salvezza agguantata attraverso i play out. Una serie interminabile di emozioni, ora per il giovane tecnico napoletano è il tempo di fermarsi e riflettere su quello che dovrà essere il suo futuro, non prima di ringraziare quanti lo hanno accompagnato in questi anni: Innanzitutto mi sembra assolutamente giusto e doveroso ringraziare pubblicamente la società Napoli e tutti i dirigenti che ne hanno fatto parte per la straordinaria opportunità che mi hanno dato di arrivare fin dove sono arrivato ovvero alla ribalta del calcio a 5 nazionale, cos√¨ come intendo ringraziare tutti i giocatori che hanno lavorato insieme a me dimostrando sempre grande disponibilità e spirito di sacrificio. Un abbraccio particolare va a tutti i ragazzi del settore giovanile, senza i quali non avrei fatto nulla e non sarei arrivato a certi livelli . Terminate le fatiche stagionali, a nervi distesi ed in piena serenità le strade si sono divise: Avevo già più volte sottolineato che, avendo il contratto in scadenza il 30 giugno di quest’anno, tutte le decisioni sarebbero state prese a bocce ormai ferme come si suol dire e soprattutto al termine di un confronto con i vertici societari, nel quale ciascuno avrebbe posto sul tavolo le proprie prospettive e manifestato i rispettivi orientamenti in ottica futura. Dal confronto tra le parti, portato avanti con grande serenità e schiettezza, è venuto fuori che non ci sono i termini ed i presupposti giusti per rinnovare il rapporto. Intendo quindi ribadire ancora una volta che non si è trattato assolutamente di dimissioni, ma semplicemente di accordo in scadenza e non rinnovato. Soprattutto questioni di stimoli evidentemente, mister Tarantino è piuttosto chiaro al riguardo: Credo che, in ciascun campo della vita ed a qualsiasi livello, le motivazioni siano l’aspetto principale per cercare di portare avanti un progetto, a maggior ragione in ambito sportivo. Nel momento in cui si perdono gli stimoli giusti viene a mancare l’entusiasmo per quello che si fa, il che va a ripercuotersi inevitabilmente su quelli che sono poi i risultati e gli obiettivi da raggiungere. Dopo un certo periodo di tempo è forte il rischio di abituarsi troppo all’ambiente e di non essere più carico al punto giusto per poter cercare di raggiungere traguardi ambiziosi. Sono queste le valutazioni che ho fatto in queste settimane, anche perch√© sono fortemente animato dalla voglia di provare nuove esperienze che mi possano dare motivazioni e stimoli diversi. Spero di avere questa possibilità, l’importante è salire sul treno giusto. Ed allora in bocca al lupo mister, sarai per sempre nei nostri cuori. Anzi, se ti è più congeniale, buena suerte‚Ķ‚Ķ..

fonte: Alfredo Trovato – Addetto Stampa Napoli calcio a 5

Condividi