Napoli. Benitez e i dubbi sul futuro, non basta il suo “cuscino” per stare tranquilli

Giorni di fuoco al centro sportivo di Castel Volturno, la squadra del Napoli mette ulteriore benzina nelle gambe in vista della gara contro l’Athletic Club Bilbao, valida per l’accesso alla fase a gironi di Champions League. Benitez ha provato alcuni schemi nel pomeriggio di ieri, una vera e propria gara tra due formazioni, in rete diversi possibili protagonisti, da Higuain a Mertens, passando per Hamsik e Zapata, quest’ultimo oggetto dell’interesse di Torino e Udinese. Intanto il neo arrivo De Guzman prosegue nei programmi di allenamento, l’olandese segue il gruppo senza problemi nella preparazione alle prossime sfide tra Champions e campionato.
Ma è il mercato a tenere banco in casa azzurra, con la situazione Fellaini che non si sblocca e la piazza in attesa di esplodere per obiettivi di mercato annunciati (vedi Mascherano n.d.r.), progetti mai presentati (vedi Stadio San Paolo n.d.r.) e, soprattutto, un allenatore più che mai indeciso, la dice lunga il mancato rinnovo di Benitez. Risuonano ancora le parole alla vigilia dell’andata contro il Bilbao: “Non sarà un dramma se usciamo”. Per i detrattori sembrava volesse mettere le mani avanti, ad un orecchio esperto sembra la resa di un comandante dinanzi alle richieste non esaudite del generale De Laurentiis. Insomma il tecnico non sembra dormire sonni tranquilli, e stavolta non sembra sia tutta colpa del suo “cuscino“.

 

clicca qui per seguirci su Facebook
clicca qui per seguirci su Twitter

Condividi