Mercato. Ultime ore di passione per le 20 sorelle. Ljajic è giallorosso!

Molti campioni, vedi, su tutti, Jovetic o Cavani, hanno salutato il nostro calcio per approdare altrove, Premier League e Ligue1 per la precisione. Ma per due top (più i vari Lamela, Marquinhos e Osvaldo) che se ne vanno, eccone tanti altri che sbarcano (e talvolta ritornano) nel Bel Paese, si tratta dei vari Reina, Albiol, Callejon, Higuain, Maicon, Tevez, Lorente, Gomez e compagnia cantando. Dopo tanti anni di mercati estivi deludenti, all’insegna della spending review, finalmente possiamo dire che la vecchia, amata Serie A sta tornando ai suoi livelli, quelli che fino a pochi anni fa valsero l’etichetta di campionato “più bello del Mondo”. Ma a che punto sono le trattative delle venti sorelle, con ancora sei giorni a disposizione per limare le rose? Ecco il punto di Sportcampania.it:

Habemus Adem– Ha finalmente un fine (che il tempo giudicherà lieto o amaro) il tormentone dell’estate. Adem Ljajic lascia finalmente la Viola ma, a differenza di quello che si pensava fino a pochi giorni fa, non approda al suo amato Milan ma alla Roma di Garc√¨a, neo orfana di un altro top player, quel Lamela che da un pò strizzava l’occhio ai milioni del Tottenham. Il fantasista serbo, secondo molti un mix tra Cassano ed Insigne, arriva nella Capitale per 12 milioni di euro (10 cash più 2 bonus) e firmerà un quadriennale a circa due milioni annui. Intrigante la sua posizione in campo al fianco di Totti e Florenzi, per un tridente tutto classe e qualità balistiche. I supporters della Lupa esultano: per sostituire Erik Lamela c’era poco di meglio in giro.
New Inter- Con Thohir prossimo all’acquisizione della maggioranza delle quote nerazzurre, è molto probabile che il duo Branca-Ausilio possa fare qualche sorpresa a Mazzarri, in cerca di tre elementi per puntellare la rosa. Si tratta di una punta, un centrocampista difensivo e di quell’esterno indispensabile al modulo del tecnico di San Vincenzo. Prima di acquistare, però, c’è da piazzare qualche elemento in esubero: e se Schelotto sembra prossimo a vestire la casacca neroverde del Sassuolo, è molto più difficile accontentare Kuzmanovic e Pereira. Il centrocampista serbo ha discreto mercato, ma sembra intenzionato a non lasciare Milano, avendo risposto picche ai vari Genoa, Sunderland, Everton e Siviglia. Di natura economica, invece, i dubbi sull’esterno portoghese: arrivato la scorsa stagione per l’importante cifra di 11 milioni di euro, l’ex Porto rischia di non vedere praticamente mai il campo: davanti a lui, nelle gerarchie mazzarriane, ci sono Nagatomo e Jonathan. Svenderlo a meno di 8 milioni vorrebbe dire minusvalenza: possibile un interessamento del Tottenham di Villas Boas, che lo conosce dai tempi del Porto, ma da qui a parlare di una vera e propria trattativa ce ne passa. Senza cessioni i vari nomi di Borriello, Iturbe, Marquinho e Montoya resteranno semplici rumors estivi. C’è ancora un pò di tempo per sperare.
Dopo la prima- 90′ di campionato hanno già dato parecchie indicazioni sul da farsi: c’è ancora un discreto margine di tempo per investire sul mercato ed ogni club ha tirato le sue somme. Il Bologna è partito con l’handicap, forte di un’avversaria, il Napoli, di primissima fascia, ma anche di una rosa peggiorata rispetto alla scorsa stagione. Serve un vice-Bianchi, nonostante Moscardelli sia stato tra i meno peggio del San Paolo, ed un centrocampista che abbia nelle corde il ruolo di metronomo. Stesso discorso per Parma, dove Galloppa è praticamente un desaparecido ed Udinese, orfana di Brkic (infortunatosi alla spalla) e senza un vero sostituto di Benatia per la linea difensiva. Sorride invece il Livorno: serviva come il pane un attaccante da affiancare a Paulinho ed è arrivato dal Siena il nigeriano di passaporto svizzero Innocent Emeghara, bomber tascabile che nell’ultima parte della scorsa stagione a Siena ha impressionato tutti per rapidità e senso del gol. Capitolo Juve: a Cagliari aspettano Marrone e Beltrame, mentre un’indiscrezione rivela un certo feeling tra bianconeri e Nainggolan, ma se ne riparlerà almeno a Gennaio.
Condividi