Marca Futsal. Bertolo nuovo ds: “Onorato, non mi limiterò solo al campo”

Altre novità in casa Marca ed è parecchio rilevante. Dopo un anno di pausa rientra nell’organigramma bianconero una figura storica come Franco Bertolo che dopo dodici mesi sabbatici si è rituffato nella mischia con un ruolo nuovo di zecca. Sarà il nuovo direttore sportivo della Marca.

” Si…diciamo che per 4 anni ho fatto l’accompagnatore, ora farò il direttore sportivo, un’esperienza diversa che comunque sento di poter vivere con tranquillità,ma con tanto entusiasmo…sarà sicuramente meno faticoso sotto certi punti di vista rispetto a prima, ma di maggiore responsabilità e ne sono onorato. ”

Ti sei preso un anno di pausa…anche se non hai perso una partita della Marca e questo è da sottolineare.Ti è mancato il campo, lo spogliatoio, la sede , le riunioni,i ragazzi?

“Onestamente si…dopo quattro anni è ovvio che la giornata non è più la stessa quando sei abituato a vivere determinate cose per tanto tempo. Ma era giusto che lo scorso anno mi fermassi. Ma sai come si dice….la lontananza ti fa riavvicinare per cui ringrazio la società per riavermi accolto come se il tempo si fosse stoppato. In realtà sono cambiate parecchie cose. Del gruppo storico sono rimasti solo quattro cinque giocatori,c’e’ un nuovo mister, ma questo è normale in qualsiasi sodalizio, gente che viene, gente che va, l’importante che non siamo cambiati gli stimoli e la mentalità vincente ma di questo non ne ho mai dubitato perchè è un marchio di fabbrica che la Marca ha nel suo DNA da sempre e di sicuro 12 mesi senza di me, non potevano stravolgere una cosa che è sempre stata radicata in questa società”.

Sarai una figura un pò atipica rispetto a quella classica del Ds.

“Si, di sicuro non mi limiterò al campo e basta… ci sono anche parecchie attività da coordinare nel corso della settimana,impegni da programmare e quindi diciamo che interagirò parecchio con i vari componenti della dirigenza e della staff, avvalendomi della preziosa collaborazione del Presidente Massimo Bello e di Paolo Foscarin da un lato e di Sebastiano Menapace e di Antonio Varo dall’altro. Intendo aiutare la società e a gestire il lavoro che mi verrà consegnato in maniera equilibrata, in modo che tutto risulti perfetto come il meccanismo di un orologio.”

Bentornato Franco e buon lavoro ci vediamo sabato per la SuperCoppa.

” Grazie mille. Ci vediamo alla Zoppas Arena. Mi auguro che ci sia tanto pubblico e che la Marca conquisti il suo sesto trofeo della storia.”