M.Keller-Manfredonia 0-0. Tabellino e cronaca del match

Mariano Keller – Manfredonia 0-0

MARIANO KELLER: Napoli, Tommasini, Bosco, Cicatiello, Noviello (22′ Gala), Della Corte, Maisto, Colella, Fragiello (5’st Sorrentino), Marzocchi, Santaniello. A disp: Veneruso, Dragone, De Gregorio, Mugione, La Torre, Marseglia, Mazzeo. All: Muro. MANFREDONIA: Leo (29′ Porcaro), Granatiero, Esposito, Pollidori, D’Arienzo, Cuomo, Arigò, Coccia, Lacarra, Gentile, Portosi (28’st Compierchio). A disp: Totaro, Bernardo, Balestrieri, Corbo, Trotta, Palazzo, D’Ambrosio. All: Cinque. ARBITRO: Scarpini di Arezzo ‚Äì ASSISTENTI: Cantafio di Lamezia Terme, Sciammarella di Paola. NOTE: Ammoniti Fragiello (K) e Cuomo (M). Al 34’st allontanato dalla panchina il massaggiatore del Manfredonia. Recuperi 4′ e 5′. Angoli 10-6 per il Manfredonia. Fuorigioco 3-1 per la Keller. Spettatori circa 100, con rappresentanza ospite.

Contro il Manfredonia reti inviolate al ‚ÄòPaudice’, nel primo pareggio in campionato per la Keller. Senza lo squalificato Micallo e con Visone e Parisi infortunati, mister Muro porta con s√© in panchina sette under su nove, mandandone poi in campo due a partita in corso, giocando cos√¨ con ben sei giovani. Fin dalle prime battute si capisce che sarà una partita maschia, giocata a viso aperto da entrambe le squadre, pur restando nel massimo della correttezza sportiva. La Keller va subito al tiro con Cicatiello dalla distanza, Leo si allunga e blocca. Ancora napoletani in avanti con Colella che dal limite piazza un rasoterra insidioso, bloccato anch’esso dal portiere avversario. La risposta del Manfredonia in un colpo di testa di Cuomo che finisce a lato. Al 14′ Fragiello prova a beffare Leo con un pallonetto a girare, ma la sfera sfiora il secondo palo. Prima della mezz’ora entrambe le squadre perdono un giocatore per infortunio, ricorrendo cos√¨ alle prime sostituzioni: il giovane Gala per Noviello (fastidio muscolare) da un lato, Porcaro per Leo (colpo al petto) dall’altro. La Keller cos√¨ si trova con una difesa inedita e soprattutto giovanissima. Dopo i cambi continua il botta e risposta fra le due compagini: sul tiro di Colella una deviazione della retroguardia del Manfredonia fa gridare al gol, mentre in area napoletana il rasoterra di Gentile finisce sul fondo. In chiusura di tempo due occasioni per la Keller con una punizione di Fragiello fuori misura ed un tiro cross di Marzocchi, su cui Porcaro riesce ad anticipare Tommasini. La ripresa presenta nuovamente rapidi capovolgimenti di fronte. Al 4′ Santaniello salta di testa, Porcaro non trattiene ma ci pensa un suo compagno di reparto a salvare sulla linea; riparte cos√¨ il Manfredonia e Lacarra potrebbe avere l’occasione giusta, Napoli arpiona però la palla. Al 5′ mister Muro fa entrare Sorrentino (altro under), per dare imprevedibilità all’attacco, ed il folletto della Keller inizia a seminare il panico fra le maglie avversarie, riuscendo spesso a sgusciar via. Al 7′ Cicatiello cerca, invano, il gol dalla distanza, mentre 1′ dopo, Maisto al volo trova l’opposizione del portiere; al 12′ invece è Arigò a vedersi negare il gol dalla traversa. Al 15′ su un recupero di Santaniello, strepitosa ripartenza di Sorrentino, che si libera dell’uomo, scarta anche il portiere in posizione defilata e serve al centro per Santaniello, troppo avanti però per ricevere il pallone. Ancora Sorrentino, servito stavolta in profondità sulla sinistra, si libera nello stretto e punta al primo palo, la difesa pugliese si salva per un soffio in angolo. Al 22′ il Manfredonia coglie la seconda traversa, in un’azione confusa davanti a Napoli. Mentre poco dopo Pollidori su punizione viene ribattuto in corner dalla barriera. Ultime emozioni dell’incontro una punizione degli ospiti calciata da Gentile e deviata di petto da Colella, mentre per i padroni di casa Della Corte dalla sinistra pesca Marzocchi dal limite, ma la sfera finisce alta.

POST PARTITA Mediamente soddisfatto al termine della gara il trainer napoletano Muro: √à naturale voler sempre vincere, ma a volte bisogna anche sapersi accontentare. Questa è una di quelle gare che puoi anche perdere per un episodio, quando invece il pareggio ci può stare. Oggi ho dovuto rinunciare ad uno dei miei difensori centrali per squalifica (Micallo), poi ho perso anche Noviello dopo appena 20′ di gioco. Abbiamo ridisegnato completamente la difesa, per di più varando una inedita linea verde con Tommasini, l’anno scorso considerato under, e due 95. Non era facile, ma penso che i ragazzi se la siano cavata. Ho cercato anche più soluzioni in attacco, inserendo prima Fragiello per sfruttare il suo fisico e poi Sorrentino per dare vivacità all’attacco. Non abbiamo fatto gol, ma non ne abbiamo neppure subiti. √à un punto che, anche se di poco, smuove la classifica e dà continuità ai nostri risultati positivi.

Ufficio Stampa A.S.D. MARIANO KELLER

FOTO: Antonella Scippa

Condividi