Juventus-Napoli 2-0. Insigne sprecone, Petagna un fantasma: le pagelle degli azzurri

La Supercoppa va alla Juventus di Andrea Pirlo. Il club bianconero, dopo un primo tempo a reti bianche, si è imposto nella ripresa stendendo il Napoli di mister Gennaro Gattuso con il risultato di 2-0. A consegnare l’ambito trofeo nazionale alla Juventus sono state le reti messe a segno da Cristiano Ronaldo ed Alvaro Morata.

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI

OSPINA: sempre attento. Ancora una volta si mostra sicuro in palleggio e nelle uscite sia alte che basse. Salva gli azzurri con un suo intervento, seppur fortunoso, su Bernardeschi. Non può nulla sul gol di Ronaldo. Voto: 6.

DI LORENZO: scende in campo con poca grinta e determinazione. Spinge poco sulla fascia quando c’è da accompagnare la manovra. Da rivedere la sua fase difensiva. Voto: 4,5.

MANOLAS: mette grinta e cattiveria agonistica fino alla fine. Toglie le castagne dal fuoco ai suoi con innumerevoli interventi che risultano efficaci. Dopo il vantaggio bianconero, si sbilancia lasciando spazi invitanti e sbagliando diverse palle semplici. Voto: 5,5.

KOULIBALY: approccia bene al match. Nel primo tempo concede davvero poco agli avversari, mostrandosi concentrato e deciso negli interventi. Nella ripresa si rende protagonista di errori evitabili, sopratutto dopo il vantaggio bianconero. Ma nel complesso raccoglie una prova sufficiente. Voto: 6.

MARIO RUI: soffre in modo costante le incursioni di Cuadrado. Sono davvero troppi i suoi errori sull’out sinistro che in innumerevoli occasioni mettono in ansia la retroguardia azzurra. Voto: 4. DALL’84’ POLITANO: SV.

DEMME: è discreto il suo lavoro in fase di impostazione. Nella ripresa, però, cala d’intensità, venendo sovrastato dalle offensive bianconere. Voto: 5. DALL’84’ LLORENTE: SV.

BAKAYOKO: fatica a restare nel vivo del match. Commette diversi errori nella zona nevralgica del campo mettendo più volte in difficoltà gli azzurri. Un suo tocco involontario propizia la rete di Ronaldo. Voto: 4. DAL 67’ ELMAS: il suo ingresso non influisce sull’economia della gara. Voto: 5.

LOZANO: sprinta a tutta fascia creando più di qualche problema alla retroguardia della Juventus. Nella prima frazione sfiora il gol con uno stacco di testa che Szczesny respinge con un super intervento. Nella ripresa cala vistosamente, sbattendo sul muro difensivo bianconero. Voto: 5.

ZIELINSKI: si mette in mostra con diverse giocate d’alta scuola, ma sono fine a se stesse. Non riesce a dare la sua impronta al match. Voto: 5.

INSIGNE: giornata decisamente no per il capitano. Si limita al compitino, non riuscendo mai a rendersi incisivo dagli ultimi metri. Nel finale si divora la rete del pari fallendo dagli undici metri. È stato il suo quarto sbagliato in carriera (su 26 calciati), tre dei quali li ha falliti proprio contro la Juventus. Voto: 4,5.

PETAGNA: non buono il suo approccio al match. Gioca di sponda, ma lo fa male. Sbaglia molteplici appoggi che in diverse circostanze risultano sanguinosi per gli azzurri. Non riesce mai a dare vivacità all’attacco dei partenopei. Voto: 4. DAL 72’ MERTENS: entra con il giusto piglio. È lui a procurarsi il prezioso calcio di rigore sciupato da Insigne. Voto: 6.

GATTUSO: la squadra scende in campo senza tenacia e determinazione, lasciando sopratutto nel secondo tempo il pallino del gioco alla Juventus. La tattica nel calcio a volte non basta. Voto: 4.

Nunzio Marrazzo