Juve Stabia-Teramo 1-1. Costa Ferreira risponde a Borrelli, termina in parità al ‘Menti’

Dopo la vittoria esterna ottenuta nel derby contro la Cavese, la Juve Stabia di mister Pasquale Padalino esce da questa 26esima giornata del girone C di Serie C con appena un punto. I gialloblù non sono andati oltre il punteggio di 1-1 tra le mura di casa del Romeo Menti con il Teramo di Massimo Paci.

JUVE STABIA PROPOSITIVA, MA IL RISULTATO RESTA IMMUTATO — La Juve Stabia mette subito le cose in chiaro. Le vespe di mister Pasquale Padalino impiegano solo tre minuti per creare la prima occasione del match con una conclusione di Caldore che termina alta sopra la traversa. Al 6’ è ancora la formazione padrona di casa a fiutare il gol sfiorandolo con un colpo di testa di Ripa sugli sviluppi di un calcio di punizione. I gialloblù insistono al 9’ nuovamente con Caldore protagonista. L’ex Casertana ci prova dai 30 metri, ma il suo tiro di destro si spegne sul fondo. Il Teramo di Paci tenta di replicare poco dopo con una botta dal limite di Arrigoni che però finisce abbondantemente al lato. La risposta delle vespe è instantanea. I gialloblù all’11’ si rendono pericolosi con Vallocchia che trova una conclusione di prima intenzione su azione da corner, ma senza trovare lo specchio della porta. La squadra di Massimo Paci si riaffaccia nella metà campo dei gialloblù al 12’, impegnando Russo con un velenoso mancino di Bombagi. Gli abruzzesi prendono coraggio e al 15’ ci riprovano con Costa Ferreira che sfiderà un violento sinistro dal limite mancando però la porta. Il Teramo continua a guadagnare terreno. La formazione abruzzese al 17’ va nuovamente alla conclusione con Arrigoni che calcia alto sopra la traversa dal limite dell’area. La Juve Stabia torna a farsi vedere al 20’: traversone di Caldore per Borrelli che impatta la sfera di testa, ma Lewandowski blocca la sfera senza alcun tipo di problema. Le due compagini si danno battaglia senza esclusioni di colpi anche nel finale della prima frazione senza però farsi concertatamente male.

BORRELLI LA SBLOCCA, COSTA FERREIRA LA PAREGGIA — I ritmi di gioco nella ripresa sono sempre gli stessi adottati nel primo tempo. A creare la prima chance è la Juve Stabia. I gialloblù, dopo appena un minuto, si rendono minacciosi con Scaccabarozzi. Il centrocampista dei gialloblù a tu per tu con Lewandowski si fa ipnotizzare sciupando una clamorosa occasione da gol. La reazione del Teramo arriva al 49’ con un sinistro di Pinzauti che non uscita alcun timore in Russo. Subito dopo è la Juve Stabia ad andare all’assalto trovando la rete del vantaggio grazie a Borrelli che infila la palla in fondo al sacco dopo la traversa colpita da Berardocco. La riposta del Teramo è istantanea. La formazione di Paci al 52’ si fa sotto con Bombagi che su calcio di punizione manda la sfera sopra la traversa. Quattro minuti dopo è ancora la compagine abruzzese a rendersi protagonista siglando il gol del pari sugli sviluppi di un contropiede concretizzato da Costa Ferreira. Al 60’ sono nuovamente gli ospiti ad andare a caccia del gol con una conclusione a giro di Ilari. Il Teramo insiste anche al 75’ tentando la fortuna con un colpo di testa di Pinzauti che finisce alto di poco. È sempre la formazione ospite a rubare la scena al 77’ con un sinistro dal limite di Santoro che conclude al lato. Juve Stabia e Teramo nel finale usano le ultime energie rimaste per cercare il gol vittoria che però non arriva. Hanno pesato e non poco le ben nove assenze divise tra infortuni e Covid-19: Bovo, Cernigoi, Farroni, Fioravanti, Iannoni, Lia, Orlando, Rizzo e Mastalli (fuori rosa). 

IL TABELLINO DEL MATCH

JUVE STABIA-TERAMO 1-1  (0-0 pt)

JUVE STABIA (3-4-1-2): Russo; Esposito (69’ Mulè), Troest, Elizalde; Scaccabarozzi, Berardocco, Vallocchia, Caldore (68’ Garattoni); Fantacci (83’ Guardacino); Borrelli, Ripa (86’ Suciu).

A disposizione: Lazzari; Garattoni, Marotta, Mulè, Guarracino, Suciu, Oliva. Allenatore: Pasquale Padalino.

TERAMO: (4-2-3-1): Lewandowski; Vitturini, Diakitè, Piacentini, Tentardini; Santoro, Arrigoni; Ilari, Bombagi, Costa Ferreira (70’ Di Francesco); Pinzauti (87’ Kyeremateng).

A disposizione: Valentini; Trasciani, Soprano, Cappa, Di Francesco, Bellucci, Viero, Kyeremateng, Lombardi, Gerbi. Allenatore: Massimo Paci.

Direttore di gara: Paride Tremolada
Monza

Assistenti: Massimiliano Bonomo di
Milano — Giuseppe Licari di Marsala

Quarto uomo: Fabio Natilla di Molfetta

Ammonizioni: Arrigoni (72’)

Espulsioni:

Marcatori: Borrelli (49’), Costa Ferreira (56’)

Recupero: 0’ (pt), 3’ (st)

Nunzio Marrazzo