Inter-Napoli 2-0. Milik con la testa tra le nuvole, bene Zielinski e Insigne: le pagelle degli azzurri

Il Napoli torna a fare i conti con la sconfitta. Dopo il successo casalingo contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi, gli azzurri di mister Gennaro Gattuso ritornano ad assaporare il gusto amaro della sconfitta, andando ko allo stadio San Siro al cospetto dell’Inter. La squadra di Antonio Conte si è imposta sui partenopei con un secco 2-0. A firmare il successo neroazzurro sono state le reti di D’Amborsio e Lautaro Martinez.

LE PAGELLE DEGLI AZZURRI

MERET: si rende autore di diversi interventi prodigiosi. Nel finale della prima frazione effettuata una super parata su Brozovic, evitando il peggio ai suoi. Dimostra un certo miglioramento nel giro palla. Non può nulla sulle reti messe a segno da D’Ambrosio e Lautaro Martinez. Voto: 6.

HYSAJ: in costante crescita. Tiene bene il campo, rispondendo bene alle offensive dei neroazzurri. Non manca il suo apporto alla manovra. Attento in fase difensiva. Voto: 6. Dall’84’ MALCUIT: SV.

MAKSIMOVIC: sono davvero poche le sue sbavature. Imposta da dietro con parsimonia e risulta deciso e preciso negli interventi in anticipo. Tiene botta alle incursioni di Sanchez. Voto: 6.

KOULIBALY: prestazione sufficienze per il possente difensore senegalese. Guida la difesa azzurra con la solita autorità. Limita Lukaku con interventi provvidenziali. Voto: 6.

MARIO RUI: inizia la gara nel peggiore dei modi, azzardando in anticipo che porta alla rete dei neroazzurri. Si rifà sprigionando sulla sua fascia di competenza tanto cuore e intensità. Si intende bene con Insigne, creando diversi problemi alla difesa lombarda. Voto: 6. Dal 65’ GHOULAM: approccia bene al match. Si fa vedere con costanza in avanti, mettendo cross invitanti che Milik non sfrutta. Voto: 6.

ELMAS: mette in campo tanta voglia ed entusiasmo. Si inserisce con costanza, ma sopratutto con i giusti tempi. Si rende autore anche di qualche recupero niente male. A sprazzi fa vedere delle interessanti doti tecniche. Voto: 6.

DEMME: gara da dimenticare. Soffre in modo costante la pressione dei neroazzurri. Questo non gli permette di impostare il gioco come deve, risultando spesso e volentieri poco preciso e lucido. Voto: 5,5.

ZIELINSKI: sforna una quantità infinita di spunti di qualità. Le azioni più pericolose degli azzurri passano dai suoi piedi. Si muove bene tra le linee, mettendo in difficoltà la retroguardia di Conte più volte. Prova la conclusione in molteplici circostanze, ma non trova il bersaglio. Voto: 6,5. Dal 65’ ALLAN: il suo ingresso da alla squadra di Gattuso nuove energie. Voto: 6.

POLITANO: semina il panico con giocate di classe. Le sue accelerazioni improvvise mettono in apprensione la difesa neroazzurra in diverse circostanze. Voto: 6. Dal 75’ LOZANO: SV.

MILIK: gioca un’altra gara con la testa tra le nuvole. Non riesce mai ad impensierire la difesa neroazzurra. Fatica a restare nel vivo del match. Voto: 4,5. Dall’84’ CALLEJON: SV.

INSIGNE: il capitano disegna calcio. Mette il sul zampino su ogni sortita offensiva degli azzurri. Dimostra un grande spirito di sacrifico, aiutando la squadra nei momenti di difficoltà. Forse poteva fare di più sull’occasione contro Handanovic. Voto: 6.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi