Gladiator, torna Romano: sarà il nuovo ds

Il Gladiator 1924 S.S.D. A.R.L. è lieto di annunciare l’investitura di Gaetano Romano come nuovo direttore sportivo. La società del presidente Giacomo De Felice rafforza il proprio organigramma con una figura di spessore, che metterà a disposizione del club e dell’allenatore massima competenza e professionalità. L’indimenticato “Cigno di Arzano” riabbraccia Santa Maria Capua Vetere a distanza di 19 anni dallo storico triennio 2000-2003: sotto la sua guida carismatica dentro e fuori al campo i neroazzurri conquistarono una doppia promozione consecutiva dall’Eccellenza alla Serie C2. Di quelle stagioni strepitose Gaetano Romano fu il vero protagonista con 87 reti in oltre 100 partite tra campionato e Coppa, infatti generazioni di tifosi sammaritani sono nate nel suo mito.

Da diversi anni ha appeso le scarpette al chiodo ed ora Gaetano Romano torna da direttore sportivo all’ombra dell’Anfiteatro: “L’emozione è enorme. Ho un ricordo ben impresso nella mente. Quando avvenne la delusione del fallimento, feci una promessa alla città: un giorno sarei ritornato da calciatore o dirigente. Questa città, questa maglia l’ho sempre sentita mia: oggi si corona un sogno interrotto bruscamente diciannove anni fa”.

Il nuovo ds esprime la sua felicità per la nuova avventura: “Ringrazio la società, il presidente Giacomo De Felice e il dott. Stefano Valletta per questa opportunità: mi hanno voluto fortemente e sono orgoglioso di entrare a far parte dello staff dirigenziale. Darò il massimo impegno per aiutare l’allenatore Teore Grimadi che già sta lavorando alla grande. Tutti insieme cercheremo di far crescere l’immagine di una società prestigiosa come il Gladiator”.

Nella sua bacheca da giovane direttore sportivo figurano già la vittoria del campionato di Eccellenza e la Coppa Italia Dilettanti Campania conquistate con l’Afragolese nella stagione 2019/2020. Un curriculum che Gaetano Romano vuole accrescere, nel frattempo è già proiettato al lavoro: “Cercherò di dare un apporto concreto all’allenatore ed alla società. Arrivo con una squadra ben fatta, è normale che la figura del direttore è quella di confrontarsi con l’allenatore quotidianamente: mi aiuta conoscere Teore da tanto tempo”.

Infine un saluto alla città di Santa Maria Capua Vetere che è pronta ad accoglierlo giovedì alla presentazione ufficiale: “La tifoseria è esigente, mi auguro di ripetere quello che ho fatto da calciatore anche da dirigente. Non in campo come tanti anni fa, ma fuori dal campo con le mie forze umane. Il girone è difficilissimo, una Serie C2, e subito affronteremo una squadra neopromossa ma dal grande blasone come il Barletta. Sono molto emozionato ed allo stesso tempo motivato a partire con il piede giusto, al fianco dei tifosi che mi hanno regalato gioie indimenticabili”.