Givova Scafati. Vittoria di cuore per il roster gialloblù: Carpegna cede all’ultimo

Alla prima senza David Logan la Givova Scafati Basket soffre ma riesce a portare a casa una vittoria di cuore contro la Carpegna Prosciutto Pesaro. Vittoria all’ultimo secondo con il risultato di 83-82 dopo una partita a rincorrere gli avversari. Tre punti fondamentali per il discorso salvezza, che mettono Scafati a +10 dalla zona retrocessione.

Un primo tempo dal doppio volto per la Givova Scafati che passa subito in svantaggio e non riesce ad avere la meglio sulla fase offensiva della Carpegna Prosciutto. Il roster di Sacchetti, difatti, lavora bene in difesa e in un paio di possessi riesce a mettere cinque punti di distacco dall’avversaria. Per gli ospiti apre le marcature McDuffie con una tripla. Il primo tiro dall’arco per la Scafati è targata Rivers. Sul 5-5 la Carpegna inizia a prendere le misure ai gialloblù arginandone le azioni d’attacco.

Il massimo vantaggio dei marchigiani arriva a +13, ma nel finale di primo quarto il quintetto di Boniciolli riesce ad accorciare. Viene meno la floridità offensiva di Pesaro, mentre l’inserimento di Blakes porta un po’ di brio. Dopo i primi dieci minuti il tabellone segna 16-24. Nel secondo quarto parte meglio la Scafati, che con un break di 4-0 riesce a rimettersi nelle vicinanze di Pesaro. I gialloblù assottigliano lo svantaggio fino al -1, ma una scelta sbagliata di  Rossato, che commette farlo esaurendo il bonus, consente alla Carpegna di allungare di nuovo.

Quarto che si gioca maggiormente sulla tattica piuttosto che sulla forza e il punteggio. I punti, infatti, si susseguono per lo più dalla lunetta, ma lo svantaggio resta un elastico pressoché costante. All’intervallo partita sul 40-44.

Nel terzo quarto apre le marcature Gamble sfruttando al meglio un inserimento al centro dell’area piccola. Botta e risposta per i primi secondi e Carpegna che spreca clamorosamente un canestro con McDuffie utile per allungare. Nonostante l’errore, gli ospiti riescono a riportarsi sul +9 fino a riguadagnare un buon margine sulla Givova Scafati trascinata dallo stato di grazia di Bluiett. Il Mida’s touch del secondo tempo di Givova Scafati-Carpegna Prosciutto Pesato riesce a tenere i suoi davanti. I gialloblù riescono ad accorciare fino al -6 per poi scivolare nuovamente sul -8 alla fine del quarto.

L’ultimo periodo parte sul 56-64 e una Carpegna che sembra aver ritrovare il vigore del primo quarto. Scafati non riesce ad accorciare, men che meno ad azzerare il vantaggio degli ospiti. Poco fallosa Scafati, contro Pesaro che invece esaurisce il bonus in pochi minuti. L’inerzia del match cambia a tre minuti dalla sirena, quando Scafati riesce a pareggiare con Nunge sfiorando il vantaggio. Bluiett, però, rimette Carpegna davanti con una delle solite triple. Due possessi dopo Givova è riesce a rimettersi sul pari e con i tiri liberi di Rivers riesce a mettere il muso avanti.

Sul +3 Carpegna torna avanti ancora grazie a Bluiett e Pinkins fallisce due tiri liberi fondamentali per ritornare in avanti. Scafati torna  avanti proprio dalla lunetta, grazie a Nunge che conquista una giocata da tre. Pinkins fallisce ancora dalla lunetta a pochi secondi dalla sirena. A sei secondi dalla fine e con il vantaggio in tasca ottima difesa da parte dei gialloblù e tiro corto di Pesaro. Alla sirena pallone sparato in avanti da Scafati che festeggia la vittoria.

Tabellino

Givova Scafati Basket-Carpegna Prosciutto Pesaro 83-82 (16-24; 24-20; 16-20; 27-18)

Givova Scafati Basket: Sangiovanni NE, Blakes 6, Gentile 22, Mouaha 0, Pinkins 2, Rossato 7, Robison 10, Rivers 13, Nunge 13, Pini 0, Gamble 10. Allenatore: Metteo Boniciolli

Carpegna Prosciutto Pesaro: Bamforth 11, Bluiett 17, Visconti 8, Ford 5, Maretto NE, Tambone NE, Cinciarini 14, Mazzola 0, Totè 12, Moclevicious 2, McDuffie 13. Allenatore: Romeo Sacchetti

Ph Credit: LegaBasket.it